Hakuna matata[1] -Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani 2018

Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani Fireball 2018
Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani Fireball 2018

RIO MARINA - Gli eventi ben riusciti nascono sempre da una lunga ed accurata preparazione, anche se apparentemente, tutto sembra scontato e di facile realizzazione.

Il 49° Campionato Italiano della Classe Fireball, magistralmente organizzato dal Centro Velico Elbano di Rio Marina, non sfugge a questa regola e la straordinaria efficacia della sua riuscita si deve ad una lunga preparazione che non riguarda solo l’evento in se stesso, ma è fondata sulla lunga storia della compagine sociale che anima questo storico Circolo velico italiano.

 

Da subito abbiamo la sensazione che la gestione del nostro campionato non sia solo una questione del CVE, ma riguardi tutti, a partire dal personale della Toremar che ci accoglie sulla rampa del traghetto e si fa in quattro per compensare le limitate abilità di manovra del rimorchio di qualche equipaggio.

Una volta sbarcati, la percezione, con il passare delle ore, prende sempre più corpo: è tutta Rio Marina coinvolta nella riuscita della nostra manifestazione sportiva! Il Sindaco, gli Assessori, la Guardia Costiera, gli albergatori, i ristoratori, gli esercenti, coordinati dal vulcanico Corrado Guelfi, Presidente e Direttore sportivo del Centro Velico Elbano. 

Il Presidente, (da subito solo “Corrado” per tutti) è uno che ti mette immediatamente a tuo agio ed è disponibile per ogni esigenza alle quali risponde sempre con l’intercalare “unscèproblema”:un vero e proprio mantra che accompagnerà fino alla fine l’evento e che da il “La” all’intero gruppo del CVE. Tutti, in acqua e a terra, danno il massimo per evitare qualunque difficoltà e per risolvere ogni imprevisto rapidamente e nel migliore dei modi.

I Fireballisti in trasferta di questioni da porre ne hanno da vendere, e da subito iniziano con richiesta last minute di alloggi, carrelli da saldare, parcheggio camper, cambi taglia per le magliette, infortuni ecc., ma ogni volta la risposta è sempre la stessa: un bel sorriso e “unscèproblema”!

Corrado parla tantissimo, vorrebbe raccontarti in pochi minuti l’enorme lavoro che, da oltre mezzo secolo, ha reso possibile il Centro Velico Elbano e l’impegno quotidiano che profonde lui stesso, da molti anni, poter contare su un gruppo di soci e di sostenitori così ampio ed affiatato. La sua è una storia tutta di sport, fatta anche da dirigente in altre discipline, ma è la vela la sua grande passione: quando ti parla dei giovani equipaggi che negli anni è riuscito a coinvolgere, dei piccoli miracoli che gli hanno permesso di trasformare dei pigri ragazzini in promesse della vela, i suoi occhi si illuminano e contagia tutti come un virus!

 

L’organizzazione gira al meglio; 25 equipaggi sono giunti sulla splendida “Isola delle miniere” per contendersi il titolo di Campione Italiano Fireball 2018 o semplicemente per prendere parte all’evento. Tra loro infatti, ci sono anche il team della Commodora Internazionale Christine Haerdi, quello del Commodoro europeo Jakub Napravik e altri due equipaggi dalla Svizzera, che non possono concorrere per il titolo italiano ma che, da qualche anno, amano partecipare al principale appuntamento del circuito Fireball del Belpaese, del quale apprezzano sempre le splendide location e il clima amichevole e festoso.

L’Italia schiera i suoi migliori equipaggi con diversi atleti che hanno già vinto il titolo in passato ed anche più volte (Maurizio Leone e Luca Campati, tre volte vincitori del campionato, Paolo Brescia e Ariberto Strobino, diciannove titoli italiani in due), e tanti giovani equipaggi (tra i quali quello completamente femminile formato da Rebecca Fiore e Paola Capizzi), che si sono inseriti nella classe grazie al proficuo lavoro dei delegati zonali e alla disponibilità di barche sociali che vengono date in comodato gratuito a coloro che desiderano provare a cimentarsi su questa splendida deriva veloce e leggera (solo 76kg!).

 

Tre giorni di sole, vento e regate nelle quali l’unica nota stonata, è il comportamento di uno dei timonieri nei confronti del proprio equipaggio in occasione di una manovra ritardata in dirittura di arrivo nella seconda giornata: abbandono del timone, scuffia, urla e pesanti insulti protratti per diversi minuti all’indirizzo della prodiera, peraltro infortunatasi nella caduta. Un comportamento che ha lasciato sbigottito l’equipaggio della barca appoggio intervenuta in soccorso, sulla quale operava proprio il Presidente Guelfi, il quale, una volta a terra, ha messo da parte il consueto intercalare, segnalando che, questa volta, “il problema c’era, eccome!” e che una condotta del genere non era proprio ammissibile.

 

Le regate, 7 in tutto, si sono svolte a partire da una prima giornata caratterizzata da sole e poco vento: l'unica prova completata ha visto la Svizzera Chistine Haerdi regolare i campioni uscenti Brescia-Strobino e Giorgio Leone-Roselli. Il tempo di disarmare le barche e tutti (regatanti, accompagnatori e tanti amici del CVE) si ritrovano davanti ad un enorme padellone per gustare un'eccellente acciugata di 70kg! preparata dall'esercito dei volontari coinvolti per la manifestazione. A seguire la cena offerta dai soci della Classe Fireball con pasta al pesto ligure e tiramisù, formaggi e vini piemontesi, salumi laziali, miele ligure nel favo, al quale, svizzeri e cechi, aggiungono birra e liquori, per un trionfo di gola e convivialità.

 

Il Sabato cambia lo spartito (mare formato e vento sui 10-11 nodi) ma il direttore d'orchestra è ancora straniero (e donna): i Cechi Johana Kořanová e Jakub Napravnik fanno il vuoto. Vincendo tutte e tre le prove disputate balzano in testa alla classifica, seguite da Christine Haerdi, competitiva (arriva due volte seconda e una volta terza) nonostante le condizioni non fossero quelle che preferisce. Un paio di infortuni colpiscono due equipaggi: una costola rotta e una tibia tumefatta che richiede l’intervento dell’ambulanza per un controllo in ospedale ma, fortunatamente, senza serie conseguenze.

La cena, eccellente a base di pesce, servita lungo la banchina del porto da una pattuglia di soci e volontari, fa capire, se ce ne fosse ancora bisogno, di che pasta sono fatti quelli del CVE e permette agli equipaggi di ristorarsi egregiamente e di scambiare qualche impressione sui primi due giorni di regata e avanzare qualche pronostico per le regate conclusive, nelle quali si prevedono le condizioni meteo ideali per una rimonta dell'equipaggio svizzero. 

 

Ma Eolo nella notte ci ripensa e prepara una sventolata di oltre 15 nodi che spazza via ogni pronostico.

La Domenica si scende in acqua sapendo che nessuno si può permettere alcun errore: con sette prove (massimo numero teorico possibile) si potrà scartare solo un risultato. I Cechi, favoriti con il vento forte, non resistono alla pressione degli italiani e arrivano due volte secondi, perché questa volta a danzare in testa alla flotta è l’equipaggio gardesano Steven Borzani - Matteo Brescia che volano, a tutta velocità e solitari, sulla linea di arrivo. Le condizioni meteo (più vento e onda ripida) mettono a dura prova la flotta, che registra qualche scuffia, diversi ritiri e qualche equipaggio con il volto tirato a fine giornata. Le nuove leve però resistono imperterrite e portano a casa la barca e la pelle conquistandosi l’ammirazione di tutti.

Puntuale a terra arriva immediatamente il ristoro di un’ottima pasta condita con alici e pesto ligure e tutti ritrovano il sorriso mentre iniziano i lavori per impacchettare le barche e prepararsi alla premiazione.

La classifica finale dimostra come non sempre il gentil sesso risulti svantaggiato nella vela ad alte prestazioni: ai primi due posti due timoniere donna (la svizzera Christine Haerdi e la ceca Johana Kořanová), al primo posto della classifica under 25, un equipaggio interamente femminile (le genovesi Rebecca Fiore–Paola Capizzi).

Alla cerimonia conclusiva il Sindaco di Rio, il Comandante della Guardia Costiera e l'Assessore alla cultura hanno premiato i Campioni italiani Fireball 2018 Stefano Borzani e Matteo Brescia (terzi assoluti dietro le imprendibili ragazze),  a seguire, la neo-coppia Carlo Zorzi–Mattia Bordon (che ha regatato con una barca in legno), e terzi ad un solo punto dal secondo, i campioni italiani uscenti Paolo Brescia–Ariberto Strobino.

Infine, primi tra i sette Fireball Classic in gara, i piemontesi Zanillo Bordon e Alberto Tentoni.

 

Tre giorni di Campionato meravigliosi e divertenti all’Isola d’Elba dove un eccellente Circolo e una prestigiosa Classe, entrambi con una lunga storia di vela e di passione, hanno dato vita ad una evento indimenticabile. 

Un sentito grazie e buon vento dalla Fireball Italia! 

 

[1]Hakuna matata è una locuzione swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale. Una possibile traduzione in lingua italiana è "non ci sono problemi".


49° Campionato italiano Fireball: 21-23 settembre Rio Marina

ELBA RIO MARINA - Tutto pronto a Rio Marina per accogliere i 25 equipaggi che, dal 21 al 23 settembre, si contenderanno il titolo di Campioni Italiani Fireball 2018.

L'organizzazione è stata curata in tutti i dettagli in stretta collaborazione tra la FIV, l'Associazione Fireball Italia e il Centro Velico Elbano capitanato dall'instancabile Corrado Guelfi, il quale nel suo duplice ruolo di presidente e Direttore sportivo, ha fortemente voluto questa manifestazione presso il suo circolo.

 

Tra gli iscritti segnaliamo i neo Campioni Mondiali Fireball Classic (Matteo Pizzorno e Giacomo Fiore, vincitori a Carnac lo scorso agosto) che per l'occasione si divideranno per completare altri equipaggi; 3 equipaggi dalla svizzera capitanati dalla bravissima Commodora Internazionale Fireball Christine Haerdi, un fortissimo equipaggio Ceco con il Commodoro europeo Jacub Napravnik e la sua compagna; i Campioni in carica Paolo Brescia e Ariberto Strobino e diversi ex Campioni italiani tra i quali Maurizio Leone e Luca Campati che rientrano in regata dopo molti mesi di assenza e che proprio all'Elba (Marina di Campo 2009) vinsero un Campionato italiano. Le 9 regate previste permetteranno di assegnare i premi ai primi tre equipaggi classificati, il Titolo di Campioni Italiani 2018 al primo equipaggio italiano, premi per il Fireball Classic e per l'equipaggio interamente femminile e molti altri premi estratti a sorte durante la premiazione.

L'evento sarà impegnativo anche a terra, con un aperitivo offerto dal circolo, venerdì sera, al quale seguirà una cena autorganizzata dai regatanti e con la cena della regata il sabato sera.

Per l'occasione è stata preparata una splendida maglietta dedicata all'evento e, come è consuetudine oramai da diversi anni, in acqua sarà presente il fotografo svizzero Urs Haerdi pronto a cogliere le immagini più belle di questa manifestazione.

Buon vento!

CAMPIONATO MONDIALE FIREBALL CARNAC

CAMPIONATO MONDIALE FIREBALL CARNAC
Campioni del Mondo Fireball Classic 2018 - Giacomo "Jack" Fiore e Matteo "Little Mascalzone" Pizzorno su ITA12519 Waikiki (ASD Il Pontile - Genova)

 

Prendete la Bretagna, il posto più bello del mondo (secondo me).

Aggiungete una Storia ricca di vela: les Glenans, Eric Tabarly, Loick Peyron, Michel Desjoyeaux… tutti nati con “il mare attorno al cuore”.

Una spruzzata di acqua fredda e vento forte, basse ed alte maree, surfisti e Char-a-Voile, ostriche e crépes.

Condite il tutto con 101 fireball, di 9 nazioni da 4 continenti. E innaffiate con 4 equipaggi italiani, giovani e meno giovani.

Dopo 12 anni si torna in Bretagna: nel 2006 ero stato a Perros-Guirec che ospitava gli Europei, quest’anno si va a Carnac (costa sud) della Bretagna per i Mondiali. Luogo popolato fin dalla preistoria (famosi gli “Alignements” di epoca Neolitica), vera e propria icona della vela mondiale.

Bellissimo il campo di regata, protetto dalla penisola di Quiberon, che ci ha riparato dalle onde e dalle correnti.

La flotta italiana arriva in ordine sparso: si fa notare il solito ritardo di Cocu (partito solo 10 giorni prima in camperino con tutta la famiglia), il triplo carrello dei Fiore-bros e soprattutto la pittoresca stazzatura di ITA-12518, la rinnovata barca di Jack Flower. Praticamente un work-in-progress continuo, sotto il benevolo sguardo dello stazzatore.

Il 1° giorno è durissimo: 2 prove, 25 nodi, freddo e tanti… troppi Inglesi che ti saltano addosso da tutte le parti. Il Comitato sperimenta una linea di partenza pittoresca: barca giuria in mezzo e 2 controstarter, uno a destra e l’altro a sinistra. Il risultato è una “scuola di partenze” devastante: tra bandiere U e bandiere Nere ci alleniamo con quasi una decina di partenze annullate.

Triangolo vero: bolina infinita, lasco interminabile, strambata improbabile, lasco interminabile, bolina infinita, poppa paurosa, stacchetto terrificante.

Per la 2° prova, visto che ci sono solo 25 nodi, il Comitato decide di aggiungere un giro di triangolo…

Regata di mera sopravvivenza: 44 tra DNF e BFD e dominio Inglese nella Top Ten. Oltre i soliti nomi (Dobson, Wagstaff, Hall, Burge, Wade, Gillard), spicca il 2° posto dei coniugi Clark. La timoniera, Penny, ha partecipato alle Olimpiadi di Pechino, finendo 9° nel Laser Radial (tanto per fare capire il livello…).

Dramma sfiorato al rientro: i nostri amici Hernandez naufragano e il povero Esteban va in ipotermia. Dopo un po’ di parapiglia arrivano i soccorsi e tutto si risolve per il meglio.

Tra gli Italiani, a fine giornata, Leone/Cocuza sopravanzano di una posizione Minotti/Guglielmo, 56 a 57. Fuori tempo massimo (per poco) nella 2° prova Rebecca/Tia, molto saggi Matteo/Jack che si ritirano quando il vento si fa pericoloso.

2° giorno: previsioni inaffidabili. Il nostro Meteorologo privato, Zanillo da Poirino, dirama un Comunicato fuorviante: 5 nodi con rotazione da Nord ad Est. Se ne presentano 15, da Ovest. Almeno però c’è il sole, che rende il panorama bellissimo.

Si ripete il dominio anglosassone con Dobson/Wagstaff in testa, seguiti dai Clark e Burge /Schieber.

Si ripete l’anonimato italiano: Leone/Cocuza veleggiano tra i 50 e 60 (come la loro età…), il Minottauro tra i 70 e gli 80, Rebi e Tia tra gli 80 e 90, e Matteo/Jack  tra i 90 e 100.     

Nel frattempo il Comitato aveva deciso di abbandonare la “partenza pittoresca” del 1° giorno per tornare al metodo tradizionale: panico tra la flotta italiana che, non avendo letto il Comunicato, vagava sperduta alla ricerca del controstarter di sopravento…

3° giorno: il Meteorologo di Poirino ci aveva azzeccato, ma non fu creduto. Viveròn-style, non Quiberòn-style.

Pochissimo vento, 1 sola prova accorciata, risultati ancora più deludenti per gli Italiani (a parte Matteo/Jack che piazzano un ottimo 51°). A me costano un gioco di vele semi-nuovo, visto che il vecchio Leone sentenzia: “le tue vele fanno cag**e!”

Un’ode al gentil sesso la 5° regata: nella top-ten ci sono 4 timoniere di 4 nazionalità. La Ceca Johanka, l’Australiana Heather, la “nostra” Christina e la solita Penny Clark. Cocu sorride soddisfatto dicendo: “Io ho sempre creduto nelle Timoniere donne!”   

Mercoledì Lay-Day per tutti, tranne che per la flotta italiana. Dopo un’esaltante mattinata di Char-a-Voile, si passa al turismo estremo. Guidati da un’inesauribile Lippolis, non la cognata Georgia ma la moglie Barbara, si parte alla volta di Pont-Aven e Coincarneau. Centinaia di chilometri per apprezzare la bellezza dei paesini bretoni. La flotta apprezza..

Giovedì si comincia a vedere la fine: non del Campionato, ma della nostra resistenza. Dovendo recuperare una prova, facciamo 3 regate. Anche stavolta il Meteorologo di Poirino non ne azzecca una. Freddo e vento fresco, forse la giornata migliore per Leone/Cocuza che però scuffiano sotto spi alla 3° compromettendo una bella prova. Peggio per Minotti/Guglielmo che si beccano una BFD nella 1° prova e standardizzano il 69° come risultato nella 2° e 3° regata.

Nel frattempo di delinea la classifica: la vittoria è un affare tra Burge, Clark, Gillard e Dobson. Pochi punti li separano, con l’arrivo del 2° scarto può accadere di tutto.

Venerdì ultimo giorno: giornata splendida! Il Meteorologo di Poirino si ritira e spunta il sole e fa addirittura caldo, bambini in spiaggia e vele ovunque. Uno spot per il mare! L’ultima partenza fissata per le 15 permette di disputare una sola regata con un vento di circa 8 nodi.

Vince la coppia Australiana: Heather Mac Farlane/Chris Payne.

Si confermano le gerarchie italiane: Leone/Cocuza piazzano l’ennesimo 45°, seguiti dal Minottauro, Rebecca e quindi Matteo con Jack.

La vittoria finale arride ai fortissimi Burge/Schieber seguiti da coniugi Clark e dal Campione del Mondo uscente Gillard.

6 Inglesi nei primi 10, 7° posto per i Cechi Cap/Prochazka, 8° gli Svizzeri Mermod/Moser, 10° gli Irlandesi Mac Cartin/Kinsella.  Il primo dei Francesi arriva solo 18°.

Noi finiamo 57°, Minotti 76°, Rebecca 90°, Matteo e Jack 93°: purtroppo, il nostro livello medio è questo. Saranno le vele vecchie, sarà la scarsa confidenza con venti forti, forse l’abitudine a partire con 10 invece che 100 barche, sarà la mancanza di allenamento, magari la forma fisica o lo scarso affiatamento degli equipaggi.

Sarà… sarà… sarà… Da tempo si discute di stage e allenamenti: in effetti, ogni tanto sembrava di giocare ad un altro sport. Loro a motore e noi a remi!

Dulcis in fundo, il premio vinto da ITA-12518 come 1° classificato tra i fireball classici. Succedono nell’albo d’oro a nomi importanti, come ad esempio mamma e figlia Enrica Bertini e Paola Capizzi nel 2013 in Slovenia.

Nota di merito al Comitato e ai concorrenti: poche proteste, molto fair-play, campi di regata perfetti.

Nota di demerito al Club: cena modesta, rinfreschi a fine regata immangiabili, spazi un po’ stretti e soprattutto… nemmeno una maglietta dell’evento (e dire che ero venuto solo per quella).

Almeno sotto questo aspetto in Italia siamo i numeri 1.

Buon vento a tutti, Cocu 

Download
overall results after 9 races - fireball
Documento Adobe Acrobat 100.5 KB



Firebelle e Firebulli: la Classe Fireball di oggi

Lorenzo Rondelli
Lorenzo Rondelli

ROMA - Inizia la pubblicazione di una serie di interviste realizzate da Lorenzo Rondelli, socio fireball da molti anni e abilissimo e spassoso scrittore che ha al suo attivo già due libri sul mondo della vela e delle regate.

Lorenzo ha accettato con entusiasmo l'incarico di raccontare la Classe Fireball di oggi, attraverso i soci che animano la classe e i campi di regata a bordo della nostra splendida deriva.

Il viaggio tra gli appassionati è iniziato da 4 giovani leve che negli ultimi anni hanno incontrato il Fireball e se ne sono innamorati.

Le interviste sono pubblicate e conservate in una apposita sezione del sito denominata "Firebelle e Firebulli".

Buona lettura!

23 e 24 Giugno: Nazionale a San Vincenzo

SAN VINCENZO - Il 23 e 24 giugno il C. N. San Vincenzo ospita la 3° Regata Nazionale Fireball valida per le ranking timonieri e prodieri 2018.

La regata si svolgerà insieme alla Classe Vaurien che in quei giorni disputerà il proprio Campionato Italiano.

La tassa di iscrizione è di €. 80,00 e include anche la cena del sabato. 

Gli equipaggi devono iscriversi entro le ore 24:00 di martedí 12 giugno 2018 compilando apposito modulo presente sulla APP My Federvela o in alternativa all’indirizzo e-mail del Circolo Organizzatore segreteriacnsv.it )

Per l'alloggio è possibile rivolgersi a:

Agriturismo SS. Annunziata. www.ssannunziata.it   

Hotel Villa Tramonto. www.villatramonto.com

Hotel Santa Caterina. www.centroturisticosantacaterina.it

Villa Lo Scoglietto. www.scoglietto.com

Download
Nazionale fireball San Vincenzo 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 108.7 KB
Classifica San Vincenzo 2018
Classifica San Vincenzo 2018

A Salivoli tutto perfetto: ma per pochi...

MARINA DI SALIVOLI (Piombino) - Due splendide giornate di sole vento e vela nel magnifico campo di regata di Piombino.

La classe Fireball, ospite del Circolo Velico Piombinese e dello Y.C.Marina di Salivoli, ha disputato la 3° regata Nazionale del calendario 2018.

Per una serie di concomitanze sfavorevoli, solo 8 equipaggia hanno potuto godere della combinazione eccellente offerta dalla location e dalla passione degli amici piombinesi coordinati dal Segretario Mario Bini. 

Tutto perfetto, a cominciare dalla comodità di uscire da un porto turistico bello ed efficiente collegato direttamente agli alloggi e al ristorante per i regatanti che ha permesso a molti di non muovere la macchina per due giorni e di godersi anche i momenti a terra in pieno relax.

In acqua però il mood è stato ben diverso, con 6 regate in due giorni, agguerrite e piene di repentini capovolgimenti di fronte dovuti alle elevate capacità di tutti gli equipaggi che rendevano il risultato mai scontato.

La brezza da nord-ovest tra i 6 e 10 nodi, alcune rotazioni e le caratteristiche correnti che contraddistinguono questo braccio di mare ideale per la vela, hanno offerto un campo di regata competitivo e divertente, magistralmente governato dal Giudice di Regata Giuseppe Bernardoni che con “puntualità elvetica” ha permesso lo svolgimento di tutte le prove previste in un perfetto equilibrio con i tempi.

La prima giornata è stata dominata dai gardesani Borzani-Brescia del Fraglia Vela Desenzano su ITA14895 con tre primi e ha visto la squalifica alla terza prova del favorito ex Campione italiano Maurizio Leone con a prua Francesco Ganimende dello Y.C.Bracciano Est, su ITA14932.

Nella seconda giornata i gardesani non sono più riusciti a vincere una prova battuti, prima da Georgia Lippolis e Umberto Cocuzza su ITA14919 , poi da Andrea Minoni e Marco Maero su ITA 15057 ed infine da Leone-Ganimede.

Il successo della prima giornata però ha garantito a Brescia-Borzani di aggiudicarsi il gradino più alto del podio, seguiti, a pari punti, da Leone-Ganimede e da Minoni-Maero.

Da segnalare la buona performance di Massimo Dinale che, con l’eccellente Angelo Tonelli a prua, hanno blindato il quarto posto con un 4-4-4-3-S-3.

Un sontuoso rinfresco preparato in casa dagli amici del C.V. Piombinese, ha rallegrato la premiazione in occasione della quale il Presidente Fireball Umberto Cocuzza ha regalato al Circolo e all’Ufficiale di Regata, una copia del magnifico libro sui primi 50 anni della Classe Fireball in Italia.

Il Presidente del C.V. Piombinese, Girolamo Oppedisano, nel ringraziare gli equipaggi intervenuti e tutti i soci che hanno permesso lo svolgimento di questa piacevolissima manifestazione, ha invitato la Classe Fireball a disputare a Salivoli il Campionato Italiano 2019: una proposta apprezzata con entusiasmo da tutti i presenti.


19 e 20 maggio: Nazionale a Marina di Salivoli

SALIVOLI - Il Centro Velico Piombinese, insieme allo Yacht Club Marina di Salivoli, organizza la 3° regata Nazionale Fireball 2018 valida per le classifiche ranking di timonieri e prodieri.

La location è particolarmente piacevole per l'eccellente campo di regata e per i praticissimi alloggi proprio sopra il porto (Marina di Salivoli - 0565 45288).

Un appuntamento immancabile con la calorosa ospitalità dei circoli piombinesi che da anni accolgono, la Classe Fireball, con passione e competenza .

Sabato il segnale di avviso è fissato per le h14:00.

Le pre-iscrizioni dovranno essere inviate entro le h 24.00 di giovedì 17 maggio a cvp@infol.it utilizzando il modello qui sotto.

Download
bando 3° nazionale fireball 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 501.7 KB
Download
Modulo iscrizione Fireball Piombino.pdf
Documento Adobe Acrobat 434.8 KB

21 e 22 Aprile: Nazionale a Marina di Massa

Dopo annullamenti e rinvii per maltempo,  la stagione Fireball Italia è finalmente alle porte: il 21 e 22 aprile nelle acque antistanti la Torre FIAT, presso il centro FIV di II zona, il C.V. Marina di Massa, organizza la 2° Regata Nazionale in calendario che verrà disputata insieme agli amici della Classe ESSE.

Quest'anno la logistica sarà ancora più comoda, poiché sarà possibile lasciare auto e carrelli direttamente nella struttura federale Torre Marina dove disputeremo la regata e che regolarmente ospita i raduni velici e la scuola vela. I locali sono dotati di spogliatoi e docce e si trovano a pochi passi dalla Torre FIAT dove alloggeremo a tariffa concordata. Qui sotto i dettagli della proposta che, oltre all'alloggio includerà anche il pranzo al sacco per le due giornate in modo da evitare inutili spostamenti e godere al massimo del mare, del relax e dell'evento sportivo. La cena del sabato invece, è prevista al ristorante del Circolo.

Qui di seguito il Bando di regata che prevede l'avviso per sabato alle 14:00.

Le pre-iscrizioni dovranno essere inviate alla Segreteria del Circolo per e-mail all’indirizzo cvmm.massa@virgilio.it entro e non oltre le ore 24.00 di giovedì 19 aprileLe registrazioni saranno perfezionate entro le ore 11.00 di sabato 21 aprile. 

 

INFORMAZIONI LOGISTICHE

Per prenotare l'alloggio inviare un messaggio WhatsUp al numero 3473361620 oppure contattare la struttura al numero 0585869310 oppure inviare una email a  francesco.ferraro@cooperativadoc.it.

Torre Marina Via Fortino di San Francesco, 1 54100 Marina di Massa (MS) tel 0585.869310 www.torremarina.it

Download
BANDO FIREBALL 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 359.3 KB
Download
Convenzione alloggio e pasti a Torre Marina
MM2018_06_F.I.V_FIREBALL.pdf
Documento Adobe Acrobat 359.9 KB

Classifica


Ciao Antonio...

Antonio Capizzi a prua su ITA15054 con Fabio Palermi
Antonio Capizzi a prua su ITA15054 con Fabio Palermi

Mercoledì, Antonio Capizzi ci ha lasciato prematuramente.

Un dolore immenso per tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.

Antonio è sempre stato apprezzato per le sue capacità di abile artigiano e ammirato per il suo talento velico che lo ha portato a conquistare il titolo di Campione italiano per ben due volte, nel 1984 sul Garda e nel 1989 a Sanremo a prua di una eccellente timoniera, sua moglie Enrica Bertini.

Ma Antonio è nel nostro cuore anche per il generoso supporto che negli anni ha sempre assicurato a tutti coloro che gli chiedevano “una mano” per aggiustare o aggiornare la propria barca, o che si rivolgevano a lui per un consiglio tecnico o un semplice parere.

Antonio aveva iniziato a costruire barche da ragazzo ( a 13 anni) e presto si era innamorato del Fireball. Tra il 1978 e il 1995 ne costruì 5, tutte bellissime, alcune in regata ancora oggi come ITA 13118 (la barca con la quale vinse a Sanremo). Amava guardarle dall’acqua, nuotando in mare accanto a loro, per ammirare la meticolosa trasformazione che avevano avuto il legno, le resine, le viti, la vernice e l’alluminio che erano diventati "un essere al quale amava parlare".

La sua passione per il mare e per la vela non si è mai interrotta ed è stato capace di trasmetterla, moltiplicata, alle donne della sua famiglia.

Antonio era accurato e preciso in ogni cosa che faceva, era onesto e leale con le persone. Era sempre disponibile ad aiutare in modo schivo e senza protagonismi e al tempo stesso era esigente e non tollerava il pressapochismo. Queste caratteristiche facevano di lui una persona speciale, preziosa, alla quale la nostra Classe deve tantissimo.

Per Antonio avevamo in serbo molte domande ancora, ma forse lui ne ha trovate di più importanti, di fondamentali, alle quali, purtroppo, non è riuscito a trovare delle risposte serie e convincenti.

Buon vento,  Antonio, da tutti noi…

Chiavari 1° Nazionale Fireball 2018

Cari Soci e Amici del Fireball,


la stagione di regate 2018 è alle porte e si presenta, come di consueto, ricca di appuntamenti! 
Iniziamo con la classicissima Nazionale organizzata dallo Yacht Club Chiavari il weekend del 17 e 18 Marzo.
Qui sotto il Bando di regata.
Per partecipare è necessario essere in regola con il versamento della quota sociale 2018 (30 euro). Il pagamento può essere effettuato sul conto delle Classe.
Se avete necessità di completare il vostro equipaggio, potete contattare il Delegato della vostra zona per cercare una soluzione.
Buon vento!
Download
BANDO Regata per Derive 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 289.3 KB

Inizia a Recco la Stagione Fireball 2018

Ls stagione delle regate Fireball 2018 inizia nella splendida cornice di Recco con la 1° Interzonale del 10 e 11 Marzo riservata agli equipaggi delle zone I II XIV XV. La regata è organizzata dal Club Amici Vela e Motore di Recco. Sul sito trovi il bando di regata e le indicazioni logistiche.

Al termine delle regate le barche potranno essere portate a Chiavari in attesa della Nazionale che verrà disputata il we successivo allo Y.C.Chiavari

Presentazione Fireball 50 a Roma

Il 31 gennaio, la sede romana della Lega Navale Italiana ospita (alle ore 19.00 in Guidubaldo del Monte, 54/A) la presentazione libro “Fireball 50” prestigioso volume, dell’Associazione Italiana Fireball, che raccoglie la storia, in Italia, di questa splendida deriva inglese dal 1967 ad oggi.

Un libro che racconta di adulti, giovani, e a volte bambini, tutti coinvolti in una passione fatta di vela, bricolage, fatica, entusiasmo e agonismo: degli instancabili innovatori, a volte dei sognatori. Il Fireball infatti, come leggerete, non è soltanto una bellissima barca ma anche una cosa che, volendo, si può costruire con le proprie mani oppure restaurare per restituirgli la vita e riportarla a navigare. Questa peculiarità ha permesso al Fireball di diffondersi ovunque e di evolvere nel tempo, restando ancora attualissimo e in grado di regalare grandi emozioni anche ai velisti di oggi e di sopravvivere nonostante il continuo fiorire di nuove barche ricche di tecnologia all’ultima moda e materiali innovativi ma, per ciò stesso, prive di un elemento fondamentale: una lunga ed appassionante storia!

 

Il Messaggio del PresidentePapa alla Flotta italiana

50 anni di Fireball: il libro... finalmente!

ROMA - Il libro sui primi 50 anni della Classe Fireball in Italia è finalmente pronto. 

Come ogni progetto che si rispetti, i tempi previsti all'inizio sono quasi raddoppiati e la pubblicazione attesa per maggio è slittata alla fine del 2017.

Quando siamo partiti con questa iniziativa, non immaginavamo che si sarebbe rivelata una specie di avventura: ricerche di archivio, indagini sul web, passaparola, indirizzi, telefonate, riunioni, interviste, raccolta di foto, documenti, riviste, e filmati. Una specie di caccia la tesoro che sembrava non finire mai, perché ogni contatto ne apriva altri in una sorta di gioco senza fine.

Ad un momento abbiamo dovuto mettere il punto, perché il libro era diventato di quasi 300 pagine con tantissimi documenti inediti, fotografie, antiche e recenti e tante informazioni, ai più, poco note, che restituiscono un patchwork bellissimo e affascinante sulla storia di una Classe velica speciale fatta di appassionati, innovativi, coraggiosi e sognatori.

A questa avventura hanno partecipato tantissimi soci della Fireball Italia che in questi 50 anni hanno contribuito a scriverne la storia e che hanno fornito ricordi immagini e documenti dei loro archivi personali.

Ma questo libro è anche il risultato del lavoro di alcuni professionisti che hanno messo a disposizione la loro bravura e il loro impegno ben oltre il semplice svolgimento di un incarico, e che hanno aggiunto alla nostra storia, struttura e bellezza.

Un ringraziamento va dunque ad Alessandro Mosca di Aliacom che, con il supporto di Rita Dietrich, ha raccolto i documenti e le storie trasformandole in pregevoli scritti; a Daniele De Battè e Davide Sossi di Artiva, che hanno impaginato il libro, ottimizzato le immagini e le foto; a Urs Haerdi della Swiss Fireball, che ha regalato al libro alcune delle sue splendide foto con le quali da molti anni racconta, in immagini, le gesta della Flotta Fireball italiana.

I costi di impaginazione e stampa del libro sono stati sostenuti con generosità dalla OBR di Paolo Brescia e dalla Qi Composites di Stefano Beltrando e da donazioni spontanee di molti Soci presenti e passati.

Questa avventura infine, ha favorito anche il ristabilirsi di legami tra il passato e il presente che ci fanno ben sperare per il prossimi 50 anni di Fireball, vento, e regate!

Il libro può essere acquistato compilando un form su questo sito, oppure contattando uno dei delegati di zona.

Buona lettura e buon vento!

Andrea Minoni

Segretario Fireball Italia


Un glorioso Fireball a Venezia!

VENEZIA - Anche quest'anno la classe Fireball è stata presente ad una delle regate più suggestive che la vela su derive possa offrire: la VELA LONGA 2017.

Il glorioso Fireball Melville ITA 7444 (non manca un numero.. è proprio del 1975! ndr) capitanato dall'esperto timoniere bresciano Enrico Taiana, insieme al prodiere Ovidiu Gavrilluc, ha portato la Palla Rossa nelle esclusive acque della Laguna di Venezia per una esperienza unica e ogni volta irripetibile! 

Ecco il breve resoconto di Enrico che ci permette di assaporare l'insolita esperienza di regatare in un posto così speciale e ricco di storia del mare e ci invoglia a immaginare una partecipazione nel 2018 (la prossima edizione sarà il 27 maggio 2018).

La regata, giunta ormai alla sua 17° edizione, si sarebbe dovuta svolgere l’11 giugno. Peccato, perché l’inaspettato rinvio comportò il mancato e tradizionale appuntamento (folklore nel folklore) con gli stoici equipaggi provenienti da tutta Europa partecipanti della Vela Raid, reduci da una lunghissima settimana di regate in laguna. Il 23 luglio 2017, dopo l’imprevisto rinvio, finalmente si partì.

 

Ecco Melville ITA7444 pronta a salpare dalla banchina del Circolo Velico Casanova
Ecco Melville ITA7444 pronta a salpare dalla banchina del Circolo Velico Casanova

 

La manifestazione organizzata dal circolo velico Casanova, che ebbe come percorso tradizionale i canali della laguna nord di Venezia, quest’anno vide alla partenza “solo” 104 imbarcazioni tra catamarani, dinghy, derive, vele al terzo, 550 e molte altre che comunque e nonostante tutto non vollero mancare all’evento.

Alle 8,30 il Melville era già armato in banchina per affrontare la sua 4° Velalonga. A quell’ora Circolo e banchina erano animatissimi con gli oltre cento equipaggi iscritti alla regata.

Dopo il briefing (caratterizzato da un ultimo richiamo fondamentale alle secche di cui è disseminata la laguna) scesi in acqua, ci si avviò per rag- giungere la partenza veleggiando con un bel traverso lungo tutto il canale adiacente il Ponte della Libertà.

 

Arrivati di fronte all’isola di Campalto, ove era posta la linea di partenza in attesa del via, tra innumerevoli virate ed abbattute eravamo presi dal doverci muovere, senza scontri, tra le tante barche, salutando vecchie e nuove conoscenze con le quali di lì a poco ci saremmo misurati, in un tripudio di vele e di colori.

leggi di più

L'Interzonale del Nord a Carlo Zorzi con Marco Maero e Paola Capizzi

I Campioni zonali (I II XIV XV zone) Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA14382 "Lupo Alberto" C.N. Torino
I Campioni zonali (I II XIV XV zone) Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA14382 "Lupo Alberto" C.N. Torino

Con la regata svolta a Rapallo si conclude il campionato interzonale del nord Italia.

Anche quest’anno la partecipazione è stata ottima in ogni regata, con un’età media che si abbassa sempre di più. è stata una stagione ricca di eventi, con tanti equipaggi in acqua soprattutto al 50° anniversario della classe a Viverone e a Rapallo (ben 13 italiani + 1 francese). Purtroppo il 2017 verrà anche ricordato per la scomparsa di due grandi personaggi del torinese, Giorgio Rigazio e Beppe Zanone, che per anni hanno dimostrato il loro amore verso la nostra classe con la loro mai banale presenza ad ogni occasione.

A fine anno possiamo vantare ben 25 diversi timonieri, 10 in più del 2016, che si sono destreggiati nei sempre difficili campi di regata della Liguria e dei laghi alpini, con tante gradite new entry e equipaggi storici tornati in barca.

Tanti gli equipaggi misti (praticamente la metà della classifica contiene un membro della famiglia Bordon o Capizzi), indicativo del fatto che se a qualcuno manca un timoniere, un prodiere o anche una barca, basta fare un giro di telefonate e si trova sempre una soluzione. Un “bravo” a tutti coloro che si sono impegnati a far si che tutto questo fosse possibile.

Unica nota negativa che si può trovare è la solita scarsa partecipazione al campionato italo-svizzero a Maccagno, soprattutto da parte dagli equipaggi più giovani che più avrebbero da imparare dai cugini svizzeri. Speriamo di vederne di più in acqua il prossimo anno.

A dominare la classifica anche quest’anno è Carlo Zorzi con Marco Maero e Paola Capizzi a prua, vincendo quasi tutte le prove a cui hanno partecipato. Al secondo posto si piazza Zanillo Bordon con il figlio Mattia ed Erica Zanone come prodieri, unico equipaggio ad aver preso parte a tutte le regate; bravi.

Terzo posto per Sara Puma e Umberto Cocuzza, a pari merito con l’inossidabile Massimo Dinale con Erik Campo, Enrica Bertini e Paola Capizzi a prua.

Ottimo anche il quinto posto dell’ormai consolidata coppia Rebecca Fiore-Cecilia Bruno, con un finale di stagione che ci fa ben sperare per l’anno prossimo.

Degno di nota anche il risultato dell’under 18 Cristiano Quaregna, che comincia a far vedere qualche buon miglioramento.

Appuntamento alla prossima stagione!

Carlo Zorzi - Delegato Fireball Italia XV zona


Rapallo, un gran finale!

I vincitori Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA 14382 "Lupo Alberto" del C.N. Torino
I vincitori Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA 14382 "Lupo Alberto" del C.N. Torino

RAPALLO - Finale importante per la stagione del 50° compleanno della classe Fireball, con ben 14 barche presenti alla 36° edizione del International Winter Criterium di Rapallo, regata valida per il Campionato Interzonale di I, II e XV zona.

Buona organizzazione a terra, regate lunghe e tecniche in acqua,  ottima cena e ricchissimi premi hanno caratterizzato il week-end di fine ottobre.

Dominio di Zorzi/Marco Maero, seguiti dalle sempre più convincenti ragazze Fiore/Bruno e al 3° posto gli acciaccati Lippolis/Cocuzza.

Al sabato, 1° regata con poco vento e vittoria ai “bavettari” Alberto Maero/Messineo. Si alza un po’ il vento nella 2° e 3° prova e comincia il dominio di Zorzi/Maero che, in modo “Barettiano”, rintuzzano gli attacchi di Lippolis/Cocuzza e Fiore/Bruno.

Dopo 3 prove, podio giovanissimo: la somma degli anni (timoniere +  prodiere) dei primi tre classificati è più bassa dell’età della Classe!

Cambia la musica (vento e tuoni), ma non il risultato la domenica: Zorzi/Maero se ne vanno di passo, Lippolis/Cocuzza litigano con lo spi e con i lividi, Fiore/Bruno determinatissime e Dinale si ringalluzzisce con Paoletta Capizzi. Ultima prova si alza ancora il vento e vengono fuori molti limiti: scuffie, ritiri e rotture con solo 6 equipaggi al traguardo, tra i quali gli inaffondabili Galletti/Bertini e i francesi volanti Hernandez.

Molte le note positive di Rapallo: a parte l’ormai consolidata linea verde, alcune interessanti new-entry Natalia Citarella al timone di Andy Capp (che finalmente camminava…), la giovanissima Elisa Ascoli con il giovanissimo Cristiano Quaregna, la barca sociale di Spezia con Simona Benelli e Stefano Cicarelli. Inoltre il rientro di Erika Zanone sulla barca del padre Beppe con Zanillo, i netti miglioramenti di papà e figlio Pregliasco e le conferme di Luca Etiopi (che forse ha trovato finalmente in Stefano Reginato un prodiere stabile) e della “strana coppia” Arrigoni/Rondelli.

Con queste premesse c’è da ben sperare per il 2018.

Discusso e delineato il calendario del prossimo anno, ci sono diverse proposte per regatare anche di inverno (Talamone, Winter Contest, Desenzano Winter Training, Ski-Voile) a testimonianza che la voglia di andare in acqua è contagiosa e che regatare in tanti è molto più divertente!

Download
Record polverizzato (nostro malgrado).pd
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

21 e 22 ottobre Interzonale di Rapallo

RAPALLO - L'ultimo appuntamento del Calendario Fireball Italia si terrà al Circolo Nautico Rapallo il 21 e 22 ottobre. In allegato bando e modulo di iscrizione della classicissima regata che ospiterà anche la nostra classe. L'appuntamento del CRITERIUM INVERNALE che quest’anno è giunto alla sua 36ma edizione, é stato iscritto come regata INTERNAZIONALE e costituisce ormai una “classica” di fine stagione per le classi interessate.

Come di consueto saranno organizzati simpatici eventi collaterali per i concorrenti ed accompagnatori, ed estrazione premi per i classificati partecipanti alla premiazione finale, primo estratto un CICLOMOTORE

Download
bando CRITERIUM INVERNALE 17 R.pdf
Documento Adobe Acrobat 277.1 KB

Ultima nazionale a Minoni-Capizzi su ITA 15057 Satanasso: conclusa la Ranking 2017

Il podio al C.N. San Vincenzo: al centro (1°) Andrea Minoni e Paola Capizzi, a dx (2°) Giorgio Leone e Vincenzo Roselli, a sx (3°) Rebecca Fiore e Cecilia Bruno
Il podio al C.N. San Vincenzo: al centro (1°) Andrea Minoni e Paola Capizzi, a dx (2°) Giorgio Leone e Vincenzo Roselli, a sx (3°) Rebecca Fiore e Cecilia Bruno

SAN VINCENZO - L'ultimo appuntamento della ranking nazionale Fireball organizzato, il 30 ottobre e 1 novembre, dal C.N. San Vincenzo, ha riservato alcune sorprese.

Innanzitutto il meteo che ha permesso di disputare solo 3 regate il sabato, con vento leggero e ballerino e che, la domenica,  ha lasciato tutti a "vele asciutte".

Poi il rientro, nelle regate nazionali, del promettente equipaggio femminile Rebecca Fiore-Cecilia Bruno con un ottimo risultato finale e con un primo assoluto nella terza prova, che le vedeva, dopo una regata molto combattuta, tagliare il traguardo in lacrime, tra gli applausi della Giuria e degli equipaggi che la seguivano! Davvero un bel risultato per un giovane equipaggio, tutto femminile e con una "barca di classe"!

Infine l'esordio di  2 giovanissime new entry della Fireball Italia , i prodieri Emma Bez della L.N.I. Genova e Tommaso Cocuzza (figlio d'arte -ndr) dello Y.C.Bracciano Est.

 

Sul podio un perfetto equilibrio di genere, con un terzo posto conquistato da Rebecca Fiore e Cecilia Bruno, rispettivamente dell'ASD Il Pontile e dello Y.C.Italiano, su ITA14305 "Phenomeno", al secondo posto Giorgio Leone e Vincenzo Roselli dello Y.C.Bracciano Est su ITA14953 "Cirisiamo" e al primo posto Andrea Minoni e Paola Capizzi rispettivamente dello Y.C.Bracciano Est e della L.N.I.Chiavari su ITA15057 "Satanasso".

Eccellente, come di consueto ormai da anni, l'accoglienza e l'organizzazione a terra e in acqua offerta dal C.N. San Vincenzo e dai suoi soci. Impeccabile il Comitato di Regata F.I.V. presieduto dall'arch. Giuseppe Bernardoni che ha tentato fino all'ultimo di disputare anche le prove previste per la domenica.

Uno speciale ringraziamento agli sponsor della regata, la Cantina "Petra" di Suvereto (LI) che ha offerto degli ottimi vini e una magnum del suo Cabernet Sauvignon "Potenti" e il Cantiere "Filippi" che ha offerto degli splendidi occhiali da sole.

 

 

Classifica Nazionale San Vincenzo 2017
Classifica Nazionale San Vincenzo 2017

C.N. San Vincenzo: ultima nazionale 2017

SAN VINCENZO - Il 30 settembre e il primo ottobre nello splendido campo di regata del C.N. San Vincenzo, si conclude la stagione nazionale Fireball. E' l'ultima occasione per accumulare punti nella ranking ma soprattutto un'ottima opportunità per disputare delle belle regate nella magnifica cornice della località toscana.

L'alloggio in convenzione è possibile presso l'Agriturismo S.S. Annunziata.

Le iscrizioni devono essere perfezionate entro le ore 11.00 del giorno 30 settembre per la classe Fireball e entro le ore 11.00 del 1 ottobre per la classe Vaurien presso la segreteria del circolo organizzatore consegnando:

 

- tessera FIV 2017 con attestazione visita medica;

- polizza assicurazione RC da €  1.500.000,00 come previsto dalla FIV;

La quota d’iscrizione è fissata in €. 85,00 a equipaggio per la classe Fireball, comprensiva di cena al sabato sera, e €. 30,00 per classe Vaurien. Per entrambe le Classi è previsto un ristoro nel dopo regata. La cena è disponibile per accompagnatori e partecipanti anche alla classe Vaurien alla somma di €30.

Download
bando Fireball-Vaurien.doc
Documento Microsoft Word 150.5 KB

Paolo Brescia e Ariberto Strobino sono i Campioni Nazionali Fireball 2017

Paolo Brescia e Ariberto Strobino - Campioni Nazionali Fireball 2017
Paolo Brescia e Ariberto Strobino - Campioni Nazionali Fireball 2017

PUNTA ALA - Paolo Brescia (Y.C.Italiano) e Ariberto Strobino (A.V.Nord Ovest) sono i Campioni Nazionali Fireball Italia 2017. 

Si aggiudicano il titolo dopo 6 prove disputate al Centro Velico Punta Ala (8-10 settembre) piazzandosi al secondo posto tra i 26 gli equipaggi in gara tra i quali tre Fireball svizzeri ed uno ceco.

La regata è stata vinta dagli svizzeri Christine Haerdi e Cedric Landerer e al terzo posto i cechi Koranova Napravnicova e Jakub Nápravník.

Tra gli italiani il secondo equipaggio classificato (4° in generale) è composto da Giorgio Leone e Vincenzo Roselli dello Y.C.Bracciano Est, seguiti da Steven Borzani e Matteo Brescia del Fraglia Vela Desenzano.

Migliore equipaggio Fireball Classic, Alberto Maero e Alberto Messineo del C.N.Torino e primi Under 25 Matteo Pizzorno e Giacomo Fiore dell'ASD il Pontile.

Classifica Campionato Nazionale Fireball 2017
Classifica Campionato Nazionale Fireball 2017
Download
Il Report di Lorenzo Rondelli!
A volte ritornano.docx
Documento Microsoft Word 1.7 MB

Matt Burge & Dan Schieber sono i Campioni Europei Fireball 2017

LIYME REGIS (UK) - Il venerdì mattina a Lyme, Matt Burge e Dan Schieber sono in testa al Campionato Europeo Fireball 2017, dopo la giornata di giovedì nella quale sono stati i più regolari nelle 3 regate disputate.

 

La situazione meteo è esattamente come previsto, una bella giornata d’estate e di sole, ma purtroppo non un soffio di vento. L'Intelligenza è stata prontamente issata a terra, inizialmente con un ritardo di 1 ora che è stato successivamente esteso ad ulteriori 2 ore. Era improbabile che una vela avrebbe navigato.

 

Con la serie bloccata su 8 regate completate, anche una sola una sola regata in più avrebbe potuto scuotere notevolmente le cose permettendo un cambio di classifica. Ma non sembrava probabile e appena il Club annunciava lo stop, c'erano già un certo numero di imbarcazioni che avevano avviato il disarmo e smontavano i loro alberi per accelerare partenza del ritorno a casa.

 

La premiazione è stata anticipata di un'ora e mezzo e gli splendidi premi sono stati assegnati ai loro numerosi destinatari. Probabilmente non c’è mai stato un campionato con così tanti premi oltre a una montagna di omaggi, tra più di cento sterline in  buoni Gul e Allen, un voucher per un gioco di vele Noth al 50% e altri gadget della North, oltre ad un'incredibile quantità di “seria argenteria”. Il Club inoltre ha anche fornito alcuni bellissimi trofei.

 

Con un totale di 29 punti e una serie di risultati che includevano un primo, secondo, terzo e quarto, il titolo di Campioni Europei Fireball 2017 è stato vinto dagli inglesi Matt Burge & Dan Schieber, seguiti da Christian Birrell & Vvy Townsend con 35 punti e da Ian Dobson & Richard Wagstaff con 39 punti al terzo posto.

 

Nel complesso i vincitori dei premi del Campionato europeo sono:

1° Matt. Matt Burge / Dan Schieber GBR 15123

2° complessivo Christian Birrell / Vyv Townend GBR 15144

Terzo generale Ian Dobson / Richard Wagstaff GBR 15141

4° in generale Tom Gillard / Geoff Edwards GBR 15127

5° posto Paul Cullen / Adam Whitehouse GBR 15147

6° complessivo David Sayce / Nick Rees GBR 15112

7° complessivo Ludovic Alleaume / Loic Berthelot FRA 14783

8° in generale Dave Wade / Ben McGrane GBR 15143

9° complessivo David Hall / Paul Constable GBR 15122

10° complessivo David Winder / Ben Rayner GBR 15130

Ultimi su tutte le gare Eric Lewandowsk / Anne Lewandowski FRA 14702

1° Timoniera donna Derian Scott GBR 14941

2° Timoniera donna Johana Koranova CZE 15109

3° Timoniera donna Christina Haerdi-Landerer SUI 14859

1° Prodiera donna Torie Morley GBR 14804

2° Prodiera donna Andrea Willcocks GBR 15075

3° Prodiera donna Jo Line GBR 14889

Primo equipaggio femminile Louise McKenna / Hermine O'Keefe IRL 14691

1° Timoniere Over 50 David Hall GBR 15122

1° Equipaggio Over 50  Nick Rees GBR 15112

1° Timoniere Over 60 David Sayce GBR 15112

1° Equipaggio Over 60  Steve Chesney GBR 14791

1° Timoniere Under 25  Alois Verkest FRA 14973

1° Equipaggio Under 25 Jakub Kosvica CZE 14551

1° Fireball Classic (euro e cittadini) James Cuxson / James Arnott GBR 14388

 

1° Flotta argento Jaroslav Verner / Jan CZE 15110

2° Flotta argento Frederick Le Bas / Ludovic Collin FRA 15053

3° Flotta argento Matt Foskett / Simon Foskett GBR 14870

 

1° Flotta bronzo Charles Le calvez / Minet Gael FRA 14403

2° Flotta bronzo Christophe Brigaudeau / Adrien Humeau FRA 15001

3° Flotta bronzo Denis Lucet / Françoise Lucet FRA 15065

 

La classe Fireball ora attende con impazienza i Campionati  del Mondo che si terranno a Carnac in Francia alla fine del mese di agosto 2018.

 

La Fireball ha avuto un eccellente campionato con premi straordinari di alcuni sponsor incredibilmente generosi e del Lyme Regis Sailing Club, i cui volontari e soci sono stati brillanti, offrendo una grande esperienza in acqua e fuori dell'acqua nonostante le condizioni di vento davvero leggeri in alcuni giorni. Lyme è un posto molto bello, l'ospitalità è stata ottima e i Fireball hanno avuto divertimento e alla partenza sentono già un po’ di nostalgia.

 

Risultati completi 

 

Parole di Andy Robinson

Foto credits Andy Wilcox

Campionato Italiano Fireball al Centro Velico Punta Ala

PUNTA ALA - A Settembre  il Campionato Italiano Fireball torna nella splendida cornice del Centro Velico Punta Ala per tre giorni di regate (8, 9 e 10) alle quali hanno già aderito anche alcuni equipaggi svizzeri sloveni e francesi.

Si prevedono 25 equipaggi a contendersi il titolo nelle acque antistanti il Resort Punta Ala

dove saranno ospitati gli equipaggi a tariffe concordate secondo le seguenti opzioni.

Ogni alloggio può comodamente ospitare fino a 5 adulti e i costi includono già: biancheria bagno/letto, pulizie finali, arredamento per cucina, consumi.

I dettagli degli alloggi sono disponibili sul sito del Resort.

Opzione nr. 1

Sconto del 10% per min. 2 notti

MH EASY Euro 276,30

MH PuntAla Euro 395,10

Soggiorno dall’ 8 al 10 settembre 2017

 

Opzione nr. 2

Sconto del 15% da min. 3 notti a max. 6 notti

MH EASY Euro 372,30

MH PuntAla Euro 532,10

Soggiorno dal 7 al 10 settembre 2017

Non è necessario il prepagamento totale. Viene richiesto un acconto del 30% a 14 o 21 giorni prima dell’arrivo mentre il saldo a fine soggiorno. Per prenotazioni contattare  0564 922294 - 0564 922557.

La cena del venerdì sarà autogestita dai Soci della Classe e coordinati dalla delegata I zona Enrica Bertini.

La cena del sabato sarà presso il Ristorante del Circolo ad un costo di 20 Euro.

Saranno offerti dei gadget della Forward WIP, sponsor del Centro Velico Punta Ala.

Qui sotto il Bando di Regata.

 

Download
Bando di Regata Campionato Fireball_2017
Documento Adobe Acrobat 368.5 KB

18 Fireball alla Nazionale di Marina di Massa

I Fireball a C.V.Marina di Massa (foto Alessandro Mercatali)
I Fireball a C.V.Marina di Massa (foto Alessandro Mercatali)

MARINA DI MASSA - Si conferma ottima la partecipazione dei Fireball alla stagione di regate 2017. Ben 18 equipaggi si sono dati battaglia nelle acque del Circolo Velico Marina di Massa dove la classe ha potuto conoscere ed apprezzare l'accoglienza di uno dei circoli italiani con più storia e trascorsi sportivi.

Il 22 e 23 luglio, in piena stagione turistica, tutto si è svolto al meglio sotto la guida del presidente Alessandro Mercatali e del direttore sportivo Enrico Orrico, e la conduzione della regata ad opera del Giudice FIV Giorgio Friso e del suo staff.

La serata di sabato è stata allietata da un'ottima cena a base di pesce preparata dal ristorante del Circolo e l'ospitalità è stata completata dal pernottamento di tutti gli equipaggi presso la ex "Torre FIAT" un pezzo importante della storia dell'architettura italiana degli anni '30, oggi gestita come struttura di ricettività turistica.

Il campo di regata si è rivelato tecnico e imprevedibile, con boline mai scontate che hanno prodotto diversi capovolgimenti di classifica. Qualche tensione in acqua e terra tra i genovesi Brescia/Strobino e i gardesani Borzani/Brescia con una protesta conclusasi con la squalifica di quest'ultimi, ma nel complesso divertimento, sfida e passione!

Alla fine, però, il podio è tutto dei romani dello Yacht Club Bracciano Est, con Maurizio Leone e Luca Campati su ITA14932 ERAORA , seguiti da Giorgio Leone con il 16enne Pietro Valfredini su ITA14953 CIRISIAMO e da Andrea Minoni con Paola Capizzi su ITA15057 SATANASSO.

Buono l'esordio dei giovani genovesi Gabriele Figoli e Alessio Chiaramonte i quali, con la barca sociale ITA14010 FIREGUST, si aggiudicano il Premio Under 25.

Da segnalare infine la new entry della timoniera Simona Benelli del C.N. La Spezia, anch'essa per la prima volta in regata su un Fireball, affidatole dall'Associazione di Classe gratuitamente e per un anno, la quale, in compagnia del pluridecorato Angelo Tonelli, chiude al 11° posto.

Piena soddisfazione è stata espressa da tutti gli equipaggi per questa tappa della Ranking Nazionale, accompagnata dal desiderio unanime, di tornare il prossimo anno in questo ottimo circolo di autentici appassionati velisti.

 

 

Classifica Nazionale Marina di Massa 2017
Classifica Nazionale Marina di Massa 2017

Nazionale a Marina di Massa

Marina di Massa e la Torre Fiat
Marina di Massa e la Torre Fiat

MARINA DI MASSA - Il 22 e 23 luglio il Circolo della Vela Marina di Massa ospita la quarta regata nazionale Fireball della stagione. L'appuntamento si svolgerà insieme alla Classe Esse, la bellissima deriva italiana che prosegue, indomita, la sua storia nelle acque della Toscana.

Il Circolo ha preparato tutto per accogliere la flotta italiana dei Fireball, organizzando, ad un prezzo convenzionato, sia i pernottamenti presso la Torre Fiat, che la cena del sabato presso il ristorante del Circolo.

I Fireball arriveranno dal Piemonte dalla Liguria, dalla Lombardia, dalla Toscana e dal Lazio.

Qui sotto il bando di regata.

Buon vento!

Download
Bando Fireball Marina di Massa 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 548.0 KB

Stessa spiaggia, stesso... male!

MACCAGNO - Anche quest'anno non cambia il copione del Campionato Italo-Svizzero di Maccagno, valida come Regata Interzonale del Nord. Un po' come il "bordo obbligato" del campo di regata, gli Svizzeri dominano per l'ennesima volta la classifica (1 solo fireball italiano nei primi 10…) malgrado la performance non eccezionale di Mermod-Moser (solo 4 primi su 6 regate...).

3 regate al giorno, sole, caldo e bel vento attorno ai 10 nodi, 21 equipaggi.

Sabato dominio assoluto di Mermod/Moser, che con 3 primi posti tengono a distanza Haerdi/Landerer e Giovanoli/Giovanoli. Degli Italiani si salva solo Carletto Zorzi, con a prua Paoletta Capizzi, che chiude al 5° posto.

Più combattuta la seconda giornata, con i campioni Europei e vice-campioni Mondiali che vincono la 5° prova ma cedono la 4° a Haerdi/Landerer e la 6° alla felicissima e incredula Mianne Erne con Clay Poulson.

Zorzi/Capizzi si confermano regolarissimi e chiudono 5° in classifica, mentre Sara e Cocu, impegnati a litigare con il baffetto Liechti, finiscono 11° a pari punti con gli scuffiatori seriali Etiopi/Tonelli.

Nota di merito ai Pregliasco, che stanno facendo grandi progressi, e mettono dietro un equipaggio svizzero e i neofiti Pecchenino/Nicoletti. 

Peccato, come al solito, per la modesta partecipazione degli Italiani: solo 7 barche per la regata più tecnica dell'anno! E' una vera disdetta che Maccagno venga spesso disertata, specialmente dagli equipaggi più forti (che potrebbero limitare lo strapotere elvetico) e dai giovanissimi (che potrebbero apprendere velocemente quanto conti una buona partenza o un passaggio in boa ben fatto).

Appuntamento al prossimo anno, UC


10 e 11 Giugno III° Nazionale al Marina di Salivoli

Marina di Salivoli
Marina di Salivoli

SALIVOLI - Il 10 e 11 Giugno il Centro Velico Piombinese ospita la III° Nazionale Fireball 2017. Il Circolo ha rinnovato quest'anno il gruppo dirigente e inaugura la nuova gestione con questa regata. L'uscita in acqua avverrà agevolmente dalla spiaggia adiacente al porto (che si vede nella foto qui accanto) caratterizzata da acque basse e protette, mentre il parcheggio retrostante, interno al Marina, ospiterà le auto e i carrelli.

Per soggiornare è possibile prenotare presso il Residence Marina Salivoli con appartamenti ad accesso diretto al porto. La giornata di domenica vedrà anche la partecipazione della Classe  Vaurien con una regata del Campionato Zonale.

Qui sotto il Bando di Regata.

Download
bando_Fireball_2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 751.7 KB

28 maggio: prima regata Regionale del Lazio

Questa regata regionale della Classe Fireball è rinviata ad altra data.

BRACCIANO - Parte la stagione di regate regionali anche in IV zona (Lazio) con il primo dei 3 appuntamenti in calendario, organizzato dal Planet Sail di Bracciano nell'ambito della regata di Campionato Zonale Classi 4000, 470, Contender, Fireball e Snipe. I Fireball regateranno nella giornata di domenica, mentre dedicheranno il sabato ad un allenamento, alla messa punto delle regolazioni e ad una cena conviviale presso lo Y.C.Bracciano Est.

Qui sotto il bando di regata.

 

Brescia-Strobino vincono la 3° Interzonale di Chiavari

Ariberto Strobino e Paolo Brescia dello Y.C. Italiano
Ariberto Strobino e Paolo Brescia dello Y.C. Italiano

CHIAVARI - Nei giorni 20 e 21 maggio si  sono svolte nello specchio acqueo del Golfo del Tigulio a Chiavari la regata interzonale FIREBALL I e XV zona FIV in memoria dell'amico Paolo Caffarena e la zonale ISO.

Sul podio Paolo Brescia e Alberto Strobino dello Y.C.Italiano, seguiti da Sara Puma e Umberto Cocuzza dell'A.V. Nord Ovest e da Zanillo e Mattia Bordon dello Y.C. Bracciano Est.

Sono state due belle giornate caratterizzate da vento leggero ma che non ha impedito alla Lega Navale di portare a termine 4 belle regate, due sabato con vento di scirocco e due domenica, una con vento di  tramontana ed una con vento da sud. Un ringraziamento ai giudici del comitato di Regata Salvatore De Caro e Enrico Molini coadiuvati da Francesca Quercini e Anne Soizic Bertin, a tutti i partecipanti ed a tutti i soci della Lega Navale Chiavari e Lavagna che si sono adoperati per l'ottima riuscita della manifestazione conclusasi con pasta al pesto e tiramisù.

Un saluto a tutti.

LNI Chiavari e Lavagna


20 e 21 maggio: 3 Interzonale del Nord a Chiavari

CHIAVARI -  Il 20 e 21 Maggio la Lega Navale Italiana di Chiavari e Lavagna, organizza il Campionato Ligure Fireball, intitolato a Paolo Caffarena e valido come III° appuntamento interzonale del nord. Per l'occasione saranno in acqua anche gli ISO in due giorni di regate che si annunciano spettacolari. Come di consueto l'organizzazione sarà seguita dall'eccellente delegata Fireball della Liguria (I zona) Enrica Bertini, la quale provvederà anche a coordinare la cena del sabato sera.

Qui di seguito il bando di regata.

Download
Bando campionato ligure e zonale Fireba
Documento Microsoft Word 58.5 KB

50 anni di emozioni

VIVERONE - Per il compleanno della Classe Fireball Italia tanto era stato organizzato al meglio, ma è successo molto di più! Nella 3 giorni sul Lago di Viverone sono arrivate molte barche, ma soprattutto una valanga di passione ed emozioni!

Non poteva essere altrimenti, considerata la storia di questa barca splendida, ma soprattutto quella delle persone che dal 1967 si sono avvicendate nelle acque di tutta la penisola per sfidarsi, sognare, e saldare profonde amicizie.

C'erano tutti: quelli che ci sono, quelli che ci saranno e, soprattutto quelli che ci sono stati, grazie ai quali il Fireball è arrivato fino a noi, con la sua linea insolita, la sua velocità sorprendente e il suo stile fuori dal coro.

I Circoli del Lago che hanno visto nascere e crescere la Classe (AVNO - CNT - LNI), hanno dato il meglio, oltre ogni aspettativa, grazie all'impegno di tanti volontari e con il supporto del Gruppo Scout Vela: tutti consapevoli che questa volta non era solo una regata.

Come accade nelle occasioni importanti, gli amici hanno garantito la loro presenza, come l'eccellente timoniera svizzera Christine Haerdi, da anni affettuosa supporter della Fireball Italia, la quale ci ha onorato con la sua bravura, aggiudicandosi il podio della regata nazionale insieme alla promettente Beatrice Gillone del C.N.Torino.

A seguire 28 equipaggi tutti speciali che hanno salutato con un lungo applauso la partenza riservata alle barche di Beppe Zanone e di Giorgio Rigazio i quali, siamo certi ci osservavano compiaciuti dall'alto.

E' stata un'occasione speciale per conoscersi, incontrasi tra generazioni, raccontarsi episodi e tramandarsi la passione.

Ed è così che è capitato di ritrovare un amico che non vedevi da vent'anni il quale, anche se non in regata, aveva deciso di fare molta strada per esserci; oppure di scoprire che quel signore che gentilmente ti porgeva il carrello al rientro a terra, altri non era che il Segretario di Classe del 1970, o di incontrare chi, il quel lontano1967 c'era, e ti raccontava mille episodi in pochi minuti per consegnarti, insieme ad alcuni cimeli dell'associazione, i suoi ricordi più preziosi affinché fossero rilanciati nel futuro.

Naturalmente l'appuntamento di Viverone è stato anche un'evento sportivo, che ha messo a dura prova le capacità dei "rabdomanti del vento" nella regata nazionale del 29 e 30 aprile, e quelle degli "Eredi di Shackleton" nell'interzonale del 1° maggio, disputata con pioggia, neve e 5 gradi di temperatura, e vinta dagli "indigeni" Carlo Zorzi e Marco Maero del C.N.Torino.

Questo appuntamento è stato possibile anche grazie alla disponibilità di molti sponsor, i quali, pur non possedendo le dimensioni di una multinazionale, hanno generosamente sostenuto l'organizzazione offendo prodotti e gadget per rendere speciale l'evento e ampliare al massimo la platea dei vincitori.

La Federazione Italiana della Vela ha schierato un team di Ufficiali di Regata di prim'ordine che ha coordinato le operazioni al meglio e ha potuto apprezzare la peculiarità dello "stile Fireball" in acqua e a terra. Al riguardo vi suggeriamo la lettura del bellissimo articolo pubblicato su Velaleggera.com.

A questo link sono disponibili le foto scattate dal bravissimo Urs Haerdi della Swiss Fireball giunto per l'occasione con il suo mitico tender.

Qui invece il link al video realizzato con il drone da Luca Rigazio.

Da leggere assolutamente è anche l'oramai classicissimo Report di Rondelli (Il Record resiste), un punto di vista acuto e leggero su  quanto è avvenuto in questo remoto lago del biellese, dove un piccolo grande gruppo di sognatori si è ritrovato per ricordare la storia e immaginare il futuro.

Buon vento Fireball!

Download
Il record resiste.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.9 MB

Festa 50 Anni di Fireball a Viverone: II Nazionale e II Interzonale

VIVERONE - E' tutto pronto per l'evento che celebra i primi 50 anni della Classe Fireball in Italia.

Tre giorni di regate con una Nazionale (29 e 30 aprile) e una Interzonale (1° Maggio) organizzate dai tre circoli storici del Lago di Viverone (AVNO - CNT - LNI) che videro la nascita dell'Associazione Italiana Fireball nel 1967 e che hanno accompagnato la passione di molti velisti in tutti questi anni.

Per l'occasione, i Soci Fireball del Piemonte, capitanati fino all'ultimo, dal veterano fireballista Giorgio Rigazio, si sono spesi al massimo per offrire a tutti i partecipanti un'accoglienza speciale. Grazie al sostegno generoso di importanti sponsor che hanno voluto in questo modo segnalare la vicinanza ad una delle classi veliche più belle e longeve ancora in attività, i velisti riceveranno in dono alcuni prodotti tipici della zona, una splendida maglia con una grafica preparata ad hoc,.

Inoltre, la sera del 29 potranno partecipare alla cena di gala organizzata presso l'Agriturismo "Tra Serra e Lago" dove, verrà presentato il libro sui primi 50 anni della classe e dove potranno cimentarsi in un quiz show per aggiudicarsi gli splendidi premi offerti dagli sponsor.

La sera di domenica 30 vedrà la premiazione della prima regata presso l'Associazione Velica Nord Ovest e una cena speciale offerta a tutti i regatanti.

Lunedì I° maggio, l'attività velica si sposerà al Circolo Nautico Torino dove verrà disputata la regata interzonale "I° Trofeo Giorgio Rigazio" e dove si concluderà la tre giorni di festeggiamenti con la premiazione e un ricco buffet. Sono attesi 30 equipaggi da tutta l'Italia alcuni dei quali, hanno deciso, per l'occasione, di togliere la polvere al loro Fireball per riportarlo, dopo molti anni, ad incrociare la prua in una regata speciale!

Tutti gli appassionati del Fireball sono i benvenuti, con o senza barca, per ricordare la storia, brindare insieme e progettare il futuro!

Qui sotto Il Bando di Regata della Nazionale, il modulo di iscrizione e il Bando di Regata del I° Trofeo Giorgio Rigazio

Download
Bando di Regata 50 Fireball.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.4 MB
Download
Modulo Iscrizione editabile.pdf
Documento Adobe Acrobat 86.6 KB
Download
Bando Regata di primavera 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 255.6 KB

Ciao Giorgione

VIVERONE - Lui c’era, c’era sempre.

Quando andavi al lago non avevi la sicurezza di trovare il vento, nè il sole ma Giorgio lo incontravi sicuramente. Al circolo a chiacchierare o ad armeggiare su una barca la sua presenza era costante.

Era innamorato del Fireball: questa barca stretta e scomoda che un uomo alto come lui ti chiedevi come potesse salirci.

E come un innamorato te ne decantava le qualità, la bellezza, la velocità, fino a quando non riusciva a convincerti.

Tutti noi piemontesi, dico tutti, siamo stati iniziati al Fireball da Giorgio. Ci ha imbarcati, ci ha convinti a lasciare altre classi, ci ha spinto a gareggiare non solo a Viverone.

Giorgio amava la compagnia, l’allegria nello stare assieme, amava i giovani e per loro è stato una guida.

Aveva desiderato tanto che a Viverone si potesse festeggiare il 50° anniversario della nascita del Associazione Fireball in Italia con una grande festa e per questo si era molto prodigato.

A pochi giorni da quella data Giorgio ci ha lasciato.

Fino all’ultimo si è impegnato nell’organizzazione di questo evento ed è straziante ora rileggere quegli ultimi messaggi telefonici dove continuava a proporre e consigliare anche se, come diceva lui “io non ci sarò”.

Ci sarai Giorgio, ci sarai anche tu.

Ciao

17 Equipaggi alla prima Nazionale 2017!

Esordio con il botto alla prima regata nazionale del 2017. Tra graditi new-entry e inaspettati ritorni, ben 17 fireball si sono contesi la vittoria nelle acque di Chiavari il 1° e 2 aprile.

Regata ottimamente organizzata dallo Yacht Club Chiavari, sia a terra che in acqua.

Malgrado le previsioni meteo non fossero benevole, poco vento e minacce di pioggia, il Comitato di Giuria è riuscito a fare disputare 4 prove al termine delle quali i Gardesani Borzani/Brescia hanno prevalso sui pluricampioni Leone/Campati (al rientro dopo un anno sabbatico) e ai sorprendenti Lippolis/Cocuzza.

Al sabato solo una prova, vinta da Palermi/Curcio con un grande recupero nell’ultimo bordo di poppa. Strage di equipaggi con ben 7 barche squalificate tra OCS, DNC e DNF (anche Minotti sbaglia percorso!).

La domenica barche in acqua, vento leggero e ben 3 prove disputate. Vincono la 2° prova Lippolis/Cocuzza, la 3° Borzani/Brescia e la 4° regata (accorciata per mancanza di vento) Leone/Campati.

Alla fine, classifica molto corta con 4 equipaggi in 4 punti, che sorride ai “bavettari” del Lago di Garda.

Sicuramente un buon inizio per la stagione del 50° della Classe fireball-Italia. Due barche francesi, tanti giovanissimi, alcuni ritorni importanti (Claudio Pregliasco con suo figlio a prua, gli storici Paolo Curotti e Pino Patrone, il redivivo Ditto Galletti di nuovo in coppia con Enrica Bertini).

Adesso l’appuntamento da non mancare è per il 29-30 aprile e 1° maggio a Viverone: celebreremo insieme i 50 anni della Classe italiana. Si prevede il gran pienone, non mancate!


I° Nazionale - Y.C. Chiavari 1 e 2 aprile

CHIAVARI - Il primo appuntamento nazionale Fireball 2017 si terrà come di consueto allo Yacht Club Chiavari nell'ambito della regata 50 Anni di Derive, riservata alle Classi Fireball, Contender, Strale e Laser (Standard, Radial e 4.7).

Per partecipare è indispensabile inviare la prescrizione al circolo come indicato nel bando qui sotto.

Per i regatanti e gli accompagnatori, sabato 1° aprile, è prevista una cena a buffet presso il ristorante dello Yacht Club (18euro). E non è uno scherzo!

 

Download
BANDO Regata per Derive 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 377.3 KB

I° Interzonale del Nord - Recco 18 e 19 marzo

RECCO - Il 18 e 19 Marzo si apre la stagione Fireball 2017 con un appuntamento imperdibile per il Fireball del nord.

La prima regata del Campionato Interzonale del Piemonte Lombardia Liguria e Toscana.

La regata, patrocinata dal Comune di Recco, è organizzata dai circoli Club Vela Sori A.S.D. e dal Club Amici Vela e Motore A.S.D. ed assegnerà il primoTrofeo Challenge Perpetuo MAURIZIO SALVI. In regata oltre ai Fireball ci saranno i Laser Standard, Laser Radial, Laser 4.7.

Download
BANDO FIREBALL_Recco 18-19 marzo.pdf
Documento Adobe Acrobat 105.4 KB

La Stagione Fireball 2017

Rebecca e Giacomo Fiore al Campionato Europeo Fireball 2016 - Y.C. Acquafresca Brenzone
Rebecca e Giacomo Fiore al Campionato Europeo Fireball 2016 - Y.C. Acquafresca Brenzone

Anche quest'anno i Fireball italiani potranno contare su una stagione ricca di regate che inizierà in Liguria con due appuntamenti (interzonale e nazionale). Nella splendida Recco il 18 e 19 marzo saremo ospiti del I° Trofeo, organizzato dal Circolo Amici della Vela in memoria dell'ex Presidente Maurizio Salvi, e due settimane dopo (1-2 aprile) torneremo allo Y.C. Chiavari per il classicissimo primo appuntamento nazionale valido per la ranking (50 Anni di Derive).

A fine aprile, l'evento al quale nessun fireballista può mancare: la Festa per i primi 50 anni dell'Associazione Italiana Fireball!
Dal 29 aprile al I° Maggio sul Lago di Viverone, ben 3 circoli storici (AVNO, CNT, LNI Torino), che hanno visto nascere la Classe nel lontano 1967, organizzano la II° Nazionale (29 e 30) e la II° Interzonale del nord (I°maggio) che saranno accompagnate da brindisi, cene, premi a sorteggio e prodotti tipici locali, per tutti coloro che vorranno interevenire per ricordare insieme la storia di questa fantastica classe. Tutti i Fireballisti, passati, presenti e futuri sono invitati a partecipare, sia in acqua che a terra.
La cena di gala si terrà sabato 29 aprile presso l'Agriturismo Tra Serra e Lago Via Morzano, 31 - 13883 Roppolo (BI) www.traserraelago.it dove, per chi lo desidera, è già possibile riservare diverse tipologie di stanze (da 1 a 4 posti) con uno sconto del 10%.

Unione Velica Maccagno - Campionato Italosvizzero 2016
Unione Velica Maccagno - Campionato Italosvizzero 2016

Il 20 e 21 Maggio, alla LNI di Chiavari si terrà il III° appiuntamento interzonaledel Nord, mentre il 28 i Fireball del Lazio si sfideranno sul Lago di Braccianopresso il Planet Sail. A Giugno (10 e 11) torneremo al Marina di Salivoli con una Nazionale insieme alla classe Vaurien, ospiti del C.V. Piombinese che ci attende con uno scivolo galleggiante tutto nuovo e un splendido campo di regata. 
A fine mese poi, dal 24 al 25, sul Lago Maggiore, a Maccagno, incontreremo i Fireball d'oltralpe nel classico Campionato Italosvizzero valido come IV° Interzonale del nord, mentre, sempre il 25 giugno, a Vigna di Valle (ALI6) si terrà il II° appuntamento Regionale del Lazio.
luglio (16) III° Regionale del Lazio allo Y.C.Bracciano Est e IV° Nazionale insieme alle Classi Vaurien e S, presso il C.V.Marina di Massa (22-23).

leggi di più

Proposte di modifica al regolamento di stazza

La Classe Fireball UK sta proponendo due cambiamenti del regolamento di stazza che saranno votati il 12 febbraio nella riunione del Consiglio della Fireball International.

La prima proposta riguarda la possibilità di utilizzare il doppio tangone per lo spinnaker: la proposta la trovate a questo link 

Twin poles proposal

 La seconda proposta riguarda la possibilità che anche il timoniere possa indossare una braga del trapezio: la proposta la trovate a questo link Dual harnesses

Potete esprimere la vostra opinione scrivendo a classe@fireball-italia.it

Gli auguri del Presidente Donald U. Cocuzza!!!


Buone feste dalla Fireball Italia!


Thomas Gillard e Richard Anderton sono i Campioni Mondiali Fireball 2016



La meglio gioventù!

Le giovani promesse della Fireball Italia
Le giovani promesse della Fireball Italia

È stata la nota più  lieta del 2016, la speranza più concreta per il futuro, la novità più invidiata dalle altre Classi nazionali: la meglio gioventù italiana ha rappresentato più del 36% * delle presenze alle regate nazionali Fireball!

Non solo quantità, ma pure tanta qualità: Zorzi/Maero trionfano in 2 Nazionali e perdono per un soffio la Ranking List, Tentoni/Tondella riportano Iaia alla vittoria in una regata Nazionale, la debuttante Aurelia Fugaldi timona sul podio la verdina Handy-Capp e, infine, come tacere i costanti progressi dei fratelli litigarelli Fiore?

Si va dai 14 anni di Cristiano Quaregna, per finire con i quasi 30enni barbudos Mattia Bordon e Alberto Tentoni, passando per le miss della classe, Rebecca flower-Fiore e Beatrice Gill-One.

La salute della Fireball Italia si valuta anche dal mix di regatanti: l’esperienza e la storia dei sessantenni, lo zoccolo duro di 40-50enni e la forza fisica ed esuberanza dei giovani.

Ma la capacità di attrarre nuovi equipaggi e di fare gruppo, di divertirsi insieme e combinare guai (in acqua…) è tutta dalla parte di questi giovani ragazzi che stanno diventando forti e tanti!

Sperando di essere ancora più “giovani” l’anno prossimo, buon vento a tutti

Umberto Cocuzza

 

*19 timonieri + 27 prodieri <30 tra i 63 partecipanti alle regate di Ranking List

48/(63 * 2)  * 100 = 36.5%

Giorgio Leone è il nuovo Delegato del Lazio

Giorgio Leone al timone del suo Fireball ITA14953 CIRISIAMO
Giorgio Leone al timone del suo Fireball ITA14953 CIRISIAMO

ROMA - Nella riunione Fireball di IV zona del 18 novembre u.s., Giorgio Leone è stato nominato nuovo Delegato Fireball IV Zona.

Subentra a Luca Campati il quale ha ricoperto questo incarico dal 2012, assicurando un impegno eccellente, non solo sul piano organizzativo, ma offrendo le sue preziose competenze anche nell'attività operativa per il ripristino delle barche sociali e nel supporto ai soci che necessitavano di un aiuto per il restauro del proprio Fireball.

Gli impegni della sua nuova famiglia, lo hanno tenuto lontano dalla vela negli ultimi mesi e, di comune accordo, abbiamo deciso di cercare un socio che ne raccogliesse il testimone.

In attesa del suo rientro, rivolgiamo un grande grazie a Luca da tutti noi!

Giorgio Leone è sul Fireball dal 2002, è un tenace regatante a livello nazionale e internazionale, è il timoniere Campione Italiano 2015 ed ha una lunga esperienza velica maturata come prodiere nella classe... 470! (non si può essere perfetti...).

Buon lavoro e buon vento a Giorgio!

Con Giorgio, l'attività zonale è stata immaginata in equilibrio con quella nazionale e verterà su 6 giornate articolate in 3 weekend (maggio - giugno - luglio) durante i quali:

  • il sabato sarà dedicato all'allenamento (messa a punto delle barche - prove in acqua - mix degli equipaggi) e ad una cena presso lo Y.C.Bracciano Est organizzata, a turno, da Letizia Monosilio, Vincenzo Roselli e Maurizio Leone;
  • la domenica ci vedrà impegnati in una regata scelta tra quelle organizzate nella Zona.

Questo schema, naturalmente, potrà essere replicato in ulteriori weekend.

 

A breve, su questo sito, verrà completato il calendario 2017 con l'inserimento delle regate di IV zona che Giorgio avrà concordato con i Circoli. Al momento abbiamo ricevuto, ed accolto, l'invito dell'ALI6 per una regata, insieme ai 470, il 25 giugno.

L'incontro è stato anche l'occasione per ricordare l'impegno che anche i soci di IV zona hanno offerto per la realizzazione del libro sui 50 anni della Fireball Italia, rendendosi disponibili per interviste e fornendo materiale fotografico.

La raccolta delle testimonianze e della documentazione si concluderà a fine novembre per avviare la fase di costruzione e impaginazione del libro che sarà disponibile in occasione della Festa organizzata a Viverone il 29 aprile 2017.

Ciao Beppe!

Beppe Zanone su ITA12754-Superfeet con Erik Campo a prua. Dietro Zanillo e Mattia Bordon.
Beppe Zanone su ITA12754-Superfeet con Erik Campo a prua. Dietro Zanillo e Mattia Bordon.

TORINO - Tutti conoscevamo quel negozio in via Monferrato.  

Tutti appena possibile facevamo un piccola deviazione per andare trovare Beppe.

Quel colorificio era diventato un punto di ritrovo, di confronto, di cazzeggio per tutti i fireballisti torinesi.

Conobbi Beppe Zanone nel 1985 quando dopo un breve corso di deriva mi convinse ad interessarmi al fireball, deriva bellissima e classe, già allora, molto attiva.

Nell’87 a prua della sua mitica barca australiana "Superfeet" feci il campionato italiano e il mondiale in Bretagna e il ricordo di quella vacanza, con le nostre famiglie, è ancora molto vivo.

Tante persone nel tempo fecero equipaggio con lui poi Erika, sua figlia, divenne per lunghi anni la sua fidata prodiera.

Fu sempre Beppe che, dopo un periodo di abbandono, mi convinse a tornare a gareggiare col fireball con mio figlio a prua.

Era paziente, instancabile, volitivo. Riusciva a convincere e a coinvolgere. Era riservato e discreto.

Mi confidò la sua malattia solo nel 2012, quando partecipò con Mattia al campionato europeo a Bracciano pochi giorni dopo aver finito un ciclo di chemio.

Della malattia non ne parlava, non voleva tristezza attorno a se, ma ha fatto di tutto per sconfiggerla.

Abbiamo saputo della sua morte una piovosa mattina, mentre ci preparavamo all’ultima regata della stagione, lasciandoci tutti sgomenti.

Ciao Beppe, ci mancherai. Mi mancherai.

Zan

Nell'Occhio del Ciclone

RAPALLO - Ultimo appuntamento per la stagione Nazionale  Fireball nel classicissima Criterium Invernale di Rapallo giunto alla 35esima edizione.

14 gli equipaggi sulla linea di partenza insieme a Dinghy, Laser, D.One e Finn.

In palio c’è il Trofeo Ranking Fireball (il famoso piattone d’argento) che dal 1995 è attribuito al timoniere che ottiene i migliori risultati in tutte le regate nazionali, Campionato incluso. Quest’anno poi, il premio è affiancato da un altro Trofeo riservato ai prodieri e istituito dal nuovo Presidente della Classe Umberto Cocuzza.

Alla vigilia, in testa, con 6 punti di vantaggio, ci sono i gardesani Steven Borzani e Matteo Brescia, su ITA14895 Phenobarbital, che hanno realizzato una stagione eccellente, ma dietro c’è chi spera di sovvertire il risultato contando su uno di quei classici imprevisti che caratterizzano lo sport della vela e lo rendono così affascinante.

 

Le previsioni meteo non promettono nulla di buono ma il Comitato conosce bene la zona e avvia rapidamente le procedure di partenza con l’obiettivo anticipare la perturbazione in arrivo.

Molti Fireball, in piena “trance agonistica”, partono prima del colpo di cannone e procurano subito un richiamo generale che li fa finire in coda nella lista di partenza.

La prova è caratterizzata da un vento leggero e a chiazze, con salti anche di 10 gradi, che permette di rimescolare continuamente le posizioni, fatta eccezione per Lippolis-Cocuzza su ITA14919 LaVis, che, a sorpresa,  prendono il comando e mantengono il piazzamento fino all’arrivo… o meglio… quello che loro credevano essere l’arrivo!

Concluso il secondo lato di poppa, infatti, l’equipaggio torinese mette la prua verso la barca Comitato desiderosi di portare all’incasso l’impegno profuso sino ad allora, ma, forse per una errata lettura delle istruzioni di regata, o per carenti basi di aritmetica, “dimenticano” di effettuare gli ultimi due lati del percorso e, come "moderni pifferai magici", si portano dietro, metà della flotta che incautamente ripone fiducia nelle loro capacità tattiche.

L’equipaggio che li segue invece, (ITA15057 Satanasso con l’inedita coppia Andrea Minoni-Zanillo Bordon) prosegue regolarmente la regata seguiti dall’altra metà della flotta (che, probabilmente più acculturata, aveva letto e persino capito le istruzioni di regata, ndr.).

A pochi metri dall’ultima boa di bolina però il vento si ferma come accade nell’occhio del ciclone, per poi girare di 180° con Zorzi-Maero su ITA14383 Lupo Alberto che ne approfittano per prendere il comando e iniziare una lunga galoppata, sempre di bolina verso l’arrivo, sotto incessanti scrosci di pioggia e forti raffiche oscillanti.

Al terzo posto di piazzano, Mattia Bordon con al timone la giovane siciliana Aurelia Fugaldi esperta laserista trapanese per la prima volta al timone di un Fireball.

La prima giornata si conclude con questa unica prova, ma soprattutto con una eccellente cena di gala offerta dal Circolo Nautico Rapallo capitanato dal vulcanico Marco Cimarosti.

 

La seconda giornata si presenta piovosa e incerta e si apre con una triste notizia: la scomparsa di Beppe Zanone, velista  torinese che con la sua passione e la sua squisita disponibilità è stato uno dei protagonisti della classe negli ultimi trent’anni. I volti sono tristi, ma attraverso i racconti di chi lo conosceva bene è l’occasione per ricordarlo e per farlo conoscere ai più giovani.

Barche in acqua!” è il segnale che costringe tutti al presente e, per qualcuno, alla possibilità di ribaltare il risultato della prima giornata: perché, sulla carta, al momento, i favoriti della vigilia (Borzani-Brescia) hanno perso il podio della ranking superati da Zorzi Maero!

Il vento è girato e viene da terra ma salta come una ballerina di can-can e le prove si rivelano incerte e combattute come il primo giorno.

Eolo però ne concede solo due, prima di revocare completamente la propria intermittente diponibilità, vinte, rispettivamente, da Lippolis-Cocuzza (questa volta regolarmente) e da Zorzi-Maero.

In assenza di una quarta prova (e del relativo scarto) i piazzamenti confermano sul podio gli equipaggi della prima giornata. Ma Borzani-Brescia riescono a rimettere le mani sul Piattone grazie ad un solo punto conquistato nell’ultima prova e nell’ultimo metro superando Minoni-Bordon sulla linea d’arrivo.

Da segnalare il piazzamento della giovanissima timoniera Rebecca Fiore della ASD Il Pontile di Genova, la quale, in compagnia della coetanea prodiera Cecilia Bruno dello Y.C. Italiano, chiude al settimo posto e accumula i punti necessari a conquistare il 6° gradino della ranking nazionale.

Tra le new entry da notare l’esordio, con una barca tutta sua (ITA13472 Betelgeuse), del 14enne Cristiano Quarengna del C.N.Torino, per l’occasione in compagnia della bravissima laserista Alice Foti della L.N.I Chiavari.

E infine il ritorno alle regate Fireball di Luca Etiopi del C.N.Castiglioncello dopo l’acquisto di ITA14833 e esordio, in una gara nazionale, del pavese Andrea Arrigoni con il “veteranoLorenzo Rondelli su ITA 12011 Kariyana uno scafo inglese degli anni settanta appena restaurato e con il tubo lancia spi sulla prua come usava allora.

Un gran finale nella premiazione, ospitata dal’Hotel Europa con un sontuoso buffet, e arricchito dal sorteggio di molti premi offerti dagli sponsor, tra i quali spicca uno scooter. I Firebulli però devono “accontentarsi” di borse, occhiali, e bottiglie di champagne.

 

Ma anche altri premi contribuivano alla tensione attorno alla competizione: quelli più ambiti dell’anno 2016, “Basola d’oro” e “Disonesto 2016” dovevano essere ancora assegnati. Per il più ambito fra i due (Disonesto, ndr.) il pretendente più papabile, Carletto, si era infortunato ad un ginocchio mettendo in forte dubbio la sua partecipazione, e le bandiere gialle accumulate durante la stagione potevano non essere più sufficienti a garantirgli la vittoria. Questa difficoltà del capolista ha spinto i diretti inseguitori a tentare il colpaccio, con una lotta senza confine, a base di incroci forzati mure a sinistra, ingaggi in boa ben dentro le 3 lunghezze con conseguenti carambole, pompaggi indiscriminati e tocchi di boa delicati fino a ‘scavalcamenti’ della boa d’arrivo.

Questi exploit hanno messo in dubbio le precedenti azioni e costretto i giudici ad un lavoro extra per stilare la classifica finale.

La “Basola d’oro”, premio dalla motivazione variabile, invece è tutto da giocarsi. Il campo di regata, di difficile interpretazione, nella prima prova della domenica, ha gettato le basi per ulteriori candidature fra cui quella dell’equipaggio presidenziale ufficiale Cocuzza Lippolis , Tentoni Maero, Fugaldi Bordon, e Quaregna Foti per aver scelto la partenza in barca comitato nonostante il contro-start fosse fortemente avvantaggiato al di là di ogni ragionevole dubbio. Le assegnazioni avverranno nel 2017.

Al prossimo anno!

Download
Ho conosciuto Beppe Zanone.pdf
Documento Adobe Acrobat 167.4 KB
Download
Se un week end d'inverno un viaggiatore.
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB


Dal Garda con furore!

Steven Borzani e Matteo Brescia vincono la Nazionale di San Vincenzo 2016.
Steven Borzani e Matteo Brescia vincono la Nazionale di San Vincenzo 2016.

SAN VINCENZO - Un gran bel fine settimana all'insegna del bel vento, bel tempo, belle onde, simpatia e accoglienza top al CN San Vincenzo per la penultima RN valida per la Ranking List , manifestazione cui la classe mancava da tre anni e questa volta insieme alla frizzante classe Vaurien.

Rinnovate coppie si affrontano in questa tappa: Andrea Minoni porta a prua Marco Maero, il buon Massimo Dinale invece scende in acqua con Angelo Tonelli. Pronti, via!

Lo scirocco previsto dai posaboe non tarda a prendere intensità; si scaldano i muscoli gia' ben prima dell'uscita dal porto con una serie infinita di virate per superare la diga foranea. Al di fuori e' uno spettacolo: vento teso, onda poco formata, raffiche e un cielo che alterna sole e nubi minacciose; si capisce fin da subito che non sara' "per bavettari... Attenzione!".

Percorso a quadrilatero al limite della spiaggia, linea ridotta, scarsoni in agguato. Prima prova molto serrata con Borzani, Leone, Minoni e Dinale attaccati, ma gia' alla seconda bolina si delineano le forze in gioco: passano a condurre Borzani-Brescia M. con Giorgio Leone e Vincenzo Roselli a incalzare, poi il nostro segretario di Classe Andrea e Massimo Dinale a chiudere il quartetto. Nel finale di prova Alberto Tentoni-Andrea Tondelli scuffiano alla grande e a rimetterci una lussazione alla spalla è Andrea; la loro regata finisce cosi, ma fino a domenica sera rimarranno a farci compagnia.

Nella seconda prova i gardesani si involano e sostanzialmente l'arrivo è la fotocopia della prova precedente. con Minoni-Maero che, partiti ultimi per rimediare ad un OCS, scelgono la bolina opposta a tutti e recuperano fino al terzo posto. Nella lunga pausa prima della terza prova molti ne approfittano per planate spettacolari anche senza spi. L'ultima prova del sabato è da cartolina: il mare si fa' bianco e il sole regna sovrano, ma e' ancora un primo di giornata per Steven & Matteo, con Massimo Dinale in gran spolvero a sopravvanzare Andrea Minoni. In virtu' di questo risultato sara' bagarre il giorno successivo per il podio più basso.

Al rientro le nubi scateneranno un bell'acquazzone che si protrarra' fino a tarda notte. Ma domenica la pioggia è un lontano ricordo, cosi come il vento purtroppo...... La mattinata passa tra disanime tecniche e programmi futuri con il mare piatto. Prima dell'una pero' ecco che il maestralino invocato dai locali giunge; bravi tutti a scendere in acqua rapidamente e il Comitato a dare la partenza.

Le condizioni non sono semplici: onda ripida e fastidiosa, corrente, buchi di vento; tuttavia e' un bel duello serrato tra Leone e Borzani, con i romani che vanno a vincere con caparbieta'. Dinale e' terzo e Minoni quarto. Ultima prova sara' decisiva per il terzo posto. Il maestrale scende, l'onda sale e le condizioni diventano per "bavettari DOC". Ultima prova difficile che vede far capolino finalmente Letizia Monosilio nei primi di testa; a testa bassa Minoni e Maero tengono botta e vincono alla grande. Nonostante il secondo posto, Dinale-Tonelli escono dal podio.

Buona la serie di Rebecca e Giacomo Fiore fermati da un'avaria nella terza prova. Da segnalare l'esordio in acqua salata del giovanissimo Cristiano Quaregna (14 anni!), del C.N.Torino, al timone di una barca sociale insieme a Cecilia Bruno dello Y.C.Italiano.

Classifica finale col primo posto dei portacolori di FVDesenzano e NWGSailing Campione sul Garda, Giorgio Leone e Vincenzo Roselli tenaci al secondo e Minoni-M.Maero a chiudere il podio.

Pasta party di livello, premi e omaggi alla premiazione a coronare due giorni di eccellente ospitalità da parte del C.N.San Vincenzo guidato dal Presidente Alessandro Placido e dal D.S. Amedeo Barbara (già Segretario della Classe Vaurien).

Gran finale, il 22 e 23 ottobre, con la Nazionale di Rapallo!

RAPALLO - In occasione del 35° CRITERIUM INVERNALE il 22 e 23 ottobre, si concluderà la stagione Nazionale della Classe Fireball.  La regata, quest’anno, sarà valida anche come ultima prova di RANKING LIST zonale per le classi Fireball, 420 e Dinghy. Prevista l’affluenza di oltre 150 equipaggi provenienti da tutta Italia e dall’estero. Nella classe D-ONE è atteso il neo campione del mondo Mario Rabbò, portacolori del Circolo Nautico Rapallo.  

Migliorata rispetto alle edizioni precedenti la logistica a terra, e per la ricorrenza della 35ma edizione sarà particolarmente ricca la serata di sabato dedicata agli equipaggi, nonché il cocktail di chiusura e l’estrazione premi per i presenti alla premiazione, tra cui, primo estratto, un CICLOMOTORE.   Buon vento a tutti!     -    E’ RICHIESTA LA PREISCRIZIONE ALLA REGATA 

Marco Cimarosti - Organizzazione e comunicazione - Circolo Nautico Rapallo

Download
bando CRITERIUM INVERNALE 16 RRR.pdf
Documento Adobe Acrobat 242.6 KB
Download
entry form CRITERIUM INVERNALE 16.pdf
Documento Adobe Acrobat 144.5 KB

Miracolo a Bracciano!

Letizia Monosilio e Francesco Ganimede - Vincenzo Roselli e Andrea Minoni - Paolo Puissa e Maurizio Milia
Letizia Monosilio e Francesco Ganimede - Vincenzo Roselli e Andrea Minoni - Paolo Puissa e Maurizio Milia

TREVIGNANO R. - Un inatteso allineamento dei pianeti ha portato ben 6  equipaggi fireball della IV zona a ritrovarsi, tutti insieme, nella medesima giornata e nello stesso orario, per contendersi l'ultima regata regionale della stagione.

Sul Lago di Bracciano, 15 nodi da SW con raffiche da 18, hanno offerto un campo di regata divertente e sfidante gestito al meglio dallo Yacht Club Bracciano Est che ospitava contemporaneamente anche i FJ, i 4000 e i Laser master.

 

Sul podio Andrea Minoni il quale, insieme all'ex Campione italiano Vincenzo Roselli, piazzava 3 inequivocabili primi a bordo di ITA15057-Satanasso.

A seguire, Paolo Puissa e Maurizio Milia su ITA14965, tornati finalmente in acqua dopo una lunga assenza, seguiti da Letizia Monosilio e Francesco Ganimede su ITA14491.

In classifica, un ottimo 4° posto per l'esordiente Adriana Curcio a prua del Campione regionale Fabio Palermi vittime di una sfortunata scuffia proprio alla fine dell'ultima prova. Da segnalare il rientro di Vittorio Mattea con Ruben Sabbadini a bordo di ITA 14741-Lancillotto, storico protagonista delle regate Fireball, e il ritiro, alla 2° prova, per una serie di avarie, di Maurizio Leone e Luca Campati, i quali, dopo essersi già ritirati per la rottura degli agugliotti nella regata regionale di giugno, avevano preso in prestito la barca di Giorgio Leone confidando, ingenuamente, nelle sue indubitabili qualità di manutentore: una serie davvero sfortunata, quest'anno, per i pluricampioni italiani!

Prossimo appuntamento, la Nazionale a San Vincenzo (LI) 1 e 2 ottobre.

Nazionale San Vincenzo: tracking con  RaceQs!

SAN VINCENZO - Per la regata Nazionale al C.N.San Vincenzo del 1 e 2 ottobre, invitiamo tutti ad utilizzare il servizio gratuito di tracking RaceQs

Per usarlo occorre scaricare l'app sul proprio smartphone e registrarsi sul sito, fissare il telefono in barca in posizione orizzontale dentro una custodia stagna di buona qualità, attivare l'app e il GPS prima della partenza.

In questo modo sarà possibile registrare la propria regata e tutti i dati di vento,  velocità etc.

Una volta a terra, dopo aver scaricato i dati via internet sul sito, sarà possibile rivedere la regata e il proprio tracciato in 3D.

Il link alla pagina della regata è il seguente.

Per info potete contattare il delegato Steven Borzani che lo ha già utilizzato.

Bertini Cocuzza vincono l'Interzonale al Campionato ItaloSvizzero

Enrica Bertini e Umberto Cocuzza si ITA14919 La Vis
Enrica Bertini e Umberto Cocuzza si ITA14919 La Vis

MACCAGNO - I campioni Europei 2016 Claude Mermod e Reudi Moser si aggiudicano anche il campionato svizzero Fireball 2016 vincendo 9 prove su 10! Nel Fireball gli equipaggi misti sono di alto livello e lo dimostrano le classifiche; al secondo posto Kurt Venhoda - Sonja Zaugg e al terzo posto Christina Hardi Landerer in coppia con il fratello Cedric Landerer. Misto anche il primo equipaggio italiano giunto in 12° posizione con Enrica Bertini e Umberto cocuzza.  La collaborazione tra l'UVM, la SUI Sailing e lo Yacht club Romanshorn ha permesso di creare un bell'evento che ha soddisfatto tutti i partecipanti.

Download
Rondelli al Campionato Svizzero.pdf
Documento Adobe Acrobat 13.0 MB