Ranking Timonieri 2018


Ranking Prodieri 2018

Campionato Interzonale del Nord

Download
Una revisione della teoria moderna delle
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB
Download
Gli apprendisti velisti.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB

La Ski-voille di Antibes: un appuntamento imperdibile!

ANTIBES - A gennaio 2019, da 17 al 20, torna il magico appuntamento della classicissima regata francese: la combinata ski-voille!

A questo link tutto le info...

Anche Recco è di Zorzi!

RECCO - 17_18 novembre 2018. Si è svolto il recupero del Trofeo Salvi rimandato dalla data di marzo per avverse condizioni meteo e valido per il Campionato Interzonale Fireball del nord. L'attesa ha ripagato i partecipanti con due giorni di regate davvero emozionanti. 

Organizzato dal Club Amici Vela e Motore in collaborazione con il Club Vela Sori e con il patrocinio del Comune di Recco è stato caratterizzato da un vento teso e rafficato di tramontana, che, durante le cinque prove svolte, ha messo alla prova i dieci equipaggi in un campo di regata estremamente tecnico e imprevedibile. Nove gli italiani provenienti da Liguria e Piemonte ed uno arrivato, per l’occasione, dalla Francia.

La giornata di sabato si è conclusa con una cena per equipaggi e accompagnatori presso la sede del CAVM Recco mentre la premiazione si è svolta la domenica al termine delle regate.

Primo classificato e vincitore del Trofeo Maurizio Salvi si riconferma Carlo Zorzi (C.N. Torino) insieme a Marco Ascoli (LNI S. Margherita Ligure), seguiti da Massimo Dinale (C.N. Bogliasco) con Elisa Ascoli (LNI S. Margherita Ligure) e da Matteo Pizzorno (Varazze C.N.) e Alessio Chiaramonte (CAVM Recco), primi classificati Under 25.

Nelle cinque prove disputate come da bando, Carlo Zorzi in coppia con Marco Ascoli hanno dominato tutte le prove della seconda edizione del Trofeo dedicato al compianto presidente Maurizio Salvi, mentre una bella lotta per il secondo e terzo posto ha reso avvincenti tutte le regate..

Una bella due giorni di vela che dopo i recenti Trofeo Città di Recco per la classe dinghy e del Trofeo Calandrone per la classe Optmist conclude alla grande questo 2018 che vedeva il club festeggiare il 110° anno dalla fondazione. Grazie alla famiglia Salvi, a tutti i soci che hanno collaborato allo svolgimento della manifestazione e ovviamente a tutti i regatanti che hanno partecipato  a questo Trofeo!


Rapallo è di Zorzi-Maero

Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA14382 Lupo Alberto - Circolo Nautico Torino
Carlo Zorzi e Marco Maero su ITA14382 Lupo Alberto - Circolo Nautico Torino

RAPALLO - Ancora sole e caldo per l’International Winter Criterium di Rapallo, appuntamento ormai di rito del fine stagione nel nord italia.

Solo 7 equipaggi iscritti a causa di alcune defezioni dell’ultimo secondo.

Il sabato è iniziato con una termichella che ha iniziato ad entrare giusto quando le barche cominciavano ad entrare in acqua, e che si è poi stabilizzata intorno ai 7-8 nodi con vento abbastanza stabile che ha permesso lo svolgimento di due prove.

A dominare la giornata sono stati Carlo Zorzi-Marco Maero che hanno piazzato due primi posti. A seguire, Paolo Brescia-Ariberto Strobino, con un terzo e un secondo, a pari merito con Sara Puma-Mattia Bordon, autori di un fantastico secondo posto nella prima regata con la vecchia ITA13118.

Domenica il vento si è presentato di minore intensità e molto più rafficato e ballerino, causando continui rimescolamenti nella classifica durante le regate. Di nuovo due prove svolte con ancora Zorzi-M.Maero e Brescia-Strobino a combattere per la vittoria. Alla fine, a spuntarla con un altro primo posto nella prima regata e un secondo (scartato) nell’ultima sono Zorzi-M.Maero. Sul secondo gradino del podio si piazzano Brescia-Strobino con un secondo e un primo posto di giornata. Al terzo posto Dinale-Ascoli sopravanzano ITA13118 di M.Bordon costretti ad un cambio di equipaggio al timone (Quaregna al posto di Sara Puma).

Come sempre l’organizzazione della regata è stata impeccabile, con assistenza fantastica nonostante le oltre 50 barche in acqua (considerando anche le classi laser e dinghy).

Appuntamento ora a Recco il 17-18 Novembre, regata conclusiva del campionato interzonale nord italia.


Brescia e Strobino fanno il bis al Memorial Caffarena

CHIAVARI - Con tre prove disputate nella sola giornata di domenica si è svolto presso la LNI Chiavari il "Memorial Caffarena", giunto ormai alla sua 4' edizione.

Nella giornata di sabato la totale assenza di vento ha costretto i giudici ad annullare le regate, rimandando tutto alla domenica, con prima partenza alle 8 del mattino per sfruttare la solita tramontana tigullina.

10 gli equipaggi in acqua a contendersi l'ormai celebre campana; vento sui 10 modi (andando poi via via a calare), regate serratissime, con molti cambi di poaizioni al vertice.

Alla fine a spuntarla grazie al un primo e due secondi posti sono Brescia-Strobino, chep per il secondo anno consecutivo si portano a casa il trofeo. Al secondo posto Zorzi-M.Maero con un quarto nella prima prova, tentano il recupero piazzando due primi posti; al terzo posto gli inossidabili Dinale-Tonelli, che con una costanza di rendimento invidiabile (un secondo e due terzi posti) salgono ancora una volta sul terzo gradino del podio. Paola Capizzi e Rebecca Fiore conquistano ancora una volta il trofeo come primo equipaggio femminile. La classifica delle barche classic vede trionfare padre e figlio Zanillo Bordon-Mattia Bordon su Superfeat.

Impeccabile come sempre l'organizzazione della LNI di Chiavari, con una buonissima cena del sabato e un rinfresco spettacolare durante la premiazione; tutto a base di prodotti tipici liguri più cibi portati da tutto il Nord Italia dai vari equipaggi, in vero stile fireball. Per concludere infine l'ormai famoso tiramisù di Enrica Bertini, la Delegata di zona artefice dell'eccellente organizzazione.

Appuntamento ora al Criterium invernale di Rapallo il prossimo weekend.

Download
Il Racconto di Rondelli
LE SCONFITTE INSEGNANO PIU.pdf
Documento Adobe Acrobat 286.4 KB

Hakuna matata[1] -Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani 2018

Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani Fireball 2018
Steven Borzani e Matteo Brescia Campioni Italiani Fireball 2018

RIO MARINA - Gli eventi ben riusciti nascono sempre da una lunga ed accurata preparazione, anche se apparentemente, tutto sembra scontato e di facile realizzazione.

Il 49° Campionato Italiano della Classe Fireball, magistralmente organizzato dal Centro Velico Elbano di Rio Marina, non sfugge a questa regola e la straordinaria efficacia della sua riuscita si deve ad una lunga preparazione che non riguarda solo l’evento in se stesso, ma è fondata sulla lunga storia della compagine sociale che anima questo storico Circolo velico italiano.

 

Da subito abbiamo la sensazione che la gestione del nostro campionato non sia solo una questione del CVE, ma riguardi tutti, a partire dal personale della Toremar che ci accoglie sulla rampa del traghetto e si fa in quattro per compensare le limitate abilità di manovra del rimorchio di qualche equipaggio.

Una volta sbarcati, la percezione, con il passare delle ore, prende sempre più corpo: è tutta Rio Marina coinvolta nella riuscita della nostra manifestazione sportiva! Il Sindaco, gli Assessori, la Guardia Costiera, gli albergatori, i ristoratori, gli esercenti, coordinati dal vulcanico Corrado Guelfi, Presidente e Direttore sportivo del Centro Velico Elbano. 

Il Presidente, (da subito solo “Corrado” per tutti) è uno che ti mette immediatamente a tuo agio ed è disponibile per ogni esigenza alle quali risponde sempre con l’intercalare “unscèproblema”:un vero e proprio mantra che accompagnerà fino alla fine l’evento e che da il “La” all’intero gruppo del CVE. Tutti, in acqua e a terra, danno il massimo per evitare qualunque difficoltà e per risolvere ogni imprevisto rapidamente e nel migliore dei modi.

I Fireballisti in trasferta di questioni da porre ne hanno da vendere, e da subito iniziano con richiesta last minute di alloggi, carrelli da saldare, parcheggio camper, cambi taglia per le magliette, infortuni ecc., ma ogni volta la risposta è sempre la stessa: un bel sorriso e “unscèproblema”!

Corrado parla tantissimo, vorrebbe raccontarti in pochi minuti l’enorme lavoro che, da oltre mezzo secolo, ha reso possibile il Centro Velico Elbano e l’impegno quotidiano che profonde lui stesso, da molti anni, poter contare su un gruppo di soci e di sostenitori così ampio ed affiatato. La sua è una storia tutta di sport, fatta anche da dirigente in altre discipline, ma è la vela la sua grande passione: quando ti parla dei giovani equipaggi che negli anni è riuscito a coinvolgere, dei piccoli miracoli che gli hanno permesso di trasformare dei pigri ragazzini in promesse della vela, i suoi occhi si illuminano e contagia tutti come un virus!

 

L’organizzazione gira al meglio; 25 equipaggi sono giunti sulla splendida “Isola delle miniere” per contendersi il titolo di Campione Italiano Fireball 2018 o semplicemente per prendere parte all’evento. Tra loro infatti, ci sono anche il team della Commodora Internazionale Christine Haerdi, quello del Commodoro europeo Jakub Napravik e altri due equipaggi dalla Svizzera, che non possono concorrere per il titolo italiano ma che, da qualche anno, amano partecipare al principale appuntamento del circuito Fireball del Belpaese, del quale apprezzano sempre le splendide location e il clima amichevole e festoso.

L’Italia schiera i suoi migliori equipaggi con diversi atleti che hanno già vinto il titolo in passato ed anche più volte (Maurizio Leone e Luca Campati, tre volte vincitori del campionato, Paolo Brescia e Ariberto Strobino, diciannove titoli italiani in due), e tanti giovani equipaggi (tra i quali quello completamente femminile formato da Rebecca Fiore e Paola Capizzi), che si sono inseriti nella classe grazie al proficuo lavoro dei delegati zonali e alla disponibilità di barche sociali che vengono date in comodato gratuito a coloro che desiderano provare a cimentarsi su questa splendida deriva veloce e leggera (solo 76kg!).

 

Tre giorni di sole, vento e regate nelle quali l’unica nota stonata, è il comportamento di uno dei timonieri nei confronti del proprio equipaggio in occasione di una manovra ritardata in dirittura di arrivo nella seconda giornata: abbandono del timone, scuffia, urla e pesanti insulti protratti per diversi minuti all’indirizzo della prodiera, peraltro infortunatasi nella caduta. Un comportamento che ha lasciato sbigottito l’equipaggio della barca appoggio intervenuta in soccorso, sulla quale operava proprio il Presidente Guelfi, il quale, una volta a terra, ha messo da parte il consueto intercalare, segnalando che, questa volta, “il problema c’era, eccome!” e che una condotta del genere non era proprio ammissibile.

 

Le regate, 7 in tutto, si sono svolte a partire da una prima giornata caratterizzata da sole e poco vento: l'unica prova completata ha visto la Svizzera Chistine Haerdi regolare i campioni uscenti Brescia-Strobino e Giorgio Leone-Roselli. Il tempo di disarmare le barche e tutti (regatanti, accompagnatori e tanti amici del CVE) si ritrovano davanti ad un enorme padellone per gustare un'eccellente acciugata di 70kg! preparata dall'esercito dei volontari coinvolti per la manifestazione. A seguire la cena offerta dai soci della Classe Fireball con pasta al pesto ligure e tiramisù, formaggi e vini piemontesi, salumi laziali, miele ligure nel favo, al quale, svizzeri e cechi, aggiungono birra e liquori, per un trionfo di gola e convivialità.

 

Il Sabato cambia lo spartito (mare formato e vento sui 10-11 nodi) ma il direttore d'orchestra è ancora straniero (e donna): i Cechi Johana Kořanová e Jakub Napravnik fanno il vuoto. Vincendo tutte e tre le prove disputate balzano in testa alla classifica, seguite da Christine Haerdi, competitiva (arriva due volte seconda e una volta terza) nonostante le condizioni non fossero quelle che preferisce. Un paio di infortuni colpiscono due equipaggi: una costola rotta e una tibia tumefatta che richiede l’intervento dell’ambulanza per un controllo in ospedale ma, fortunatamente, senza serie conseguenze.

La cena, eccellente a base di pesce, servita lungo la banchina del porto da una pattuglia di soci e volontari, fa capire, se ce ne fosse ancora bisogno, di che pasta sono fatti quelli del CVE e permette agli equipaggi di ristorarsi egregiamente e di scambiare qualche impressione sui primi due giorni di regata e avanzare qualche pronostico per le regate conclusive, nelle quali si prevedono le condizioni meteo ideali per una rimonta dell'equipaggio svizzero. 

 

Ma Eolo nella notte ci ripensa e prepara una sventolata di oltre 15 nodi che spazza via ogni pronostico.

La Domenica si scende in acqua sapendo che nessuno si può permettere alcun errore: con sette prove (massimo numero teorico possibile) si potrà scartare solo un risultato. I Cechi, favoriti con il vento forte, non resistono alla pressione degli italiani e arrivano due volte secondi, perché questa volta a danzare in testa alla flotta è l’equipaggio gardesano Steven Borzani - Matteo Brescia che volano, a tutta velocità e solitari, sulla linea di arrivo. Le condizioni meteo (più vento e onda ripida) mettono a dura prova la flotta, che registra qualche scuffia, diversi ritiri e qualche equipaggio con il volto tirato a fine giornata. Le nuove leve però resistono imperterrite e portano a casa la barca e la pelle conquistandosi l’ammirazione di tutti.

Puntuale a terra arriva immediatamente il ristoro di un’ottima pasta condita con alici e pesto ligure e tutti ritrovano il sorriso mentre iniziano i lavori per impacchettare le barche e prepararsi alla premiazione.

La classifica finale dimostra come non sempre il gentil sesso risulti svantaggiato nella vela ad alte prestazioni: ai primi due posti due timoniere donna (la svizzera Christine Haerdi e la ceca Johana Kořanová), al primo posto della classifica under 25, un equipaggio interamente femminile (le genovesi Rebecca Fiore–Paola Capizzi).

Alla cerimonia conclusiva il Sindaco di Rio, il Comandante della Guardia Costiera e l'Assessore alla cultura hanno premiato i Campioni italiani Fireball 2018 Stefano Borzani e Matteo Brescia (terzi assoluti dietro le imprendibili ragazze),  a seguire, la neo-coppia Carlo Zorzi–Mattia Bordon (che ha regatato con una barca in legno), e terzi ad un solo punto dal secondo, i campioni italiani uscenti Paolo Brescia–Ariberto Strobino.

Infine, primi tra i sette Fireball Classic in gara, i piemontesi Zanillo Bordon e Alberto Tentoni.

 

Tre giorni di Campionato meravigliosi e divertenti all’Isola d’Elba dove un eccellente Circolo e una prestigiosa Classe, entrambi con una lunga storia di vela e di passione, hanno dato vita ad una evento indimenticabile. 

Un sentito grazie e buon vento dalla Fireball Italia! 

 

[1]Hakuna matata è una locuzione swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale. Una possibile traduzione in lingua italiana è "non ci sono problemi".